LODI Isolabella sempre più secca
Isolabella morente

LODI Isolabella sempre più secca

La grande area verde ai confini di Lodi continua a soffrire

Le piante sono ormai morte, Sorgenia e Comune - che avevano siglato l’accordo per piantarle nell’ambito delle opere di compensazione della centrale di Turano-Bertonico - hanno reso pubblica la volontà di procedere a una nuova piantumazione, forse in un altro luogo, ma sul terreno restano gli innumerevoli resti di un progetto ambizioso mai davvero decollato.

Una delle piantine

Una delle piantine

Come una ferita in una delle aree verdi più grandi della città, restano i resti delle piantine, ma soprattutto i resti di plastica delle reti che avrebbero dovuto proteggerle nei primi anni di vita.

Le reti sono in parte divelte e buttate in giro per il prato, anch’esso secco

Le reti sono in parte divelte e buttate in giro per il prato, anch’esso secco

Calato il sipario su questa opera, che fa il paio con l’adiacente Bar del Paesaggio mai aperto né smantellato (e con l’attracco fluviale rimasto senza battello, o la Casota a dre Ada ormai chiusa), si aspetta di capire quale sarà il futuro di questo spazio verde, che dovrebbe essere incluso nella “Greenway” ideata dalla nuova amministrazione per creare una “autostrada verde” che unisca i parchi lodigiani.

Il pezzo sull’incontro tra Sorgenia e Comune a questo link:

https://www.ilcittadino.it/stories/Cronaca/lodi-sorgenia-pronta-a-piantare-5mila-nuovi-alberi_78414_96/


© RIPRODUZIONE RISERVATA