LODI In viale Giovanni XXIII da lunedì scatta il senso unico
In alto le transenne che delimitano il cantiere di rifacimento stradale in viale Giovanni XXIII

LODI In viale Giovanni XXIII da lunedì scatta il senso unico

Avanzano le ruspe in zona Robadello

Avanza il cantiere per rifare gli asfalti in viale Giovanni XXIII, in zona Robadello: da martedì prossimo scatterà il senso unico sull’intera strada. È il primo test sul riassetto futuro dell’arteria, che una volta finiti i lavori sarà percorribile solo da via Salvo D’Acquisto verso via Buozzi.

Il quadro economico delle opere, volute dal Broletto per intervenire su carreggiate e marciapiedi in forte degrado, ammonta a 400mila euro di cui 200mila finanziati da Regione. Terminata la realizzazione della nuova aiuola e dei marciapiedi, nel tratto compreso tra via Kennedy e la scuola primaria Pezzani lungo il lato opposto agli istituti scolastici, la stessa tipologia di intervento verrà effettuata dalla ditta incaricata nel tratto compreso tra via D’Acquisto e l’intersezione con via Kennedy, sempre lungo il lato opposto a quello delle scuole (Itis e Gandini) dove da martedì 12 ottobre entrerà in vigore anche il provvedimento di senso unico di marcia (già precedentemente applicato nel tratto Kennedy - scuola Pezzani), con circolazione consentita in direzione via Buozzi. In via Kennedy è di conseguenza istituito l’obbligo di svolta a destra (verso via Buozzi) per tutti i veicoli che giungono all’intersezione con viale Giovanni XXIII.

Il viale ha una larghezza complessiva di circa 16 metri. Di questi, circa 9 metri sono occupati dalla sede stradale, con una corsia per senso di marcia, più una corsia destinata alla sosta delle auto il cui manto è ormai completamente da rifare e un grave problema è rappresentato dei ristagni d’acqua in carreggiata che caratterizza i periodi più piovosi. I marciapiedi, invece, sono contraddistinti da enormi sconnessioni. Il disegno futuro prevederà delle aiuole ampie dove ci sono i marciapiedi, che saranno livellati, poi una pista ciclopedonale che occuperà una delle corsie di marcia, delimitata dai cordoli in pietra recuperati dai percorsi pedonali esistenti. Saranno anche mantenuti i 55 parcheggi, mentre due esemplari di alberi saranno abbattuti per lo sviluppo delle radici che ha creato una serie di problemi ad abitazioni private. I lavori sono partiti sui marciapiedi e nelle prossime settimane interesseranno la carreggiata.n


© RIPRODUZIONE RISERVATA