LODI Il parcheggio come una piscina: sosta difficile fuori dal Maggiore
Una delle maxi pozzanghere venutesi a creare a causa del temporale di lunedì nel parcheggio dell’ospedale

LODI Il parcheggio come una piscina: sosta difficile fuori dal Maggiore

I temporali degli ultimi giorni hanno mandato sott’acqua il piazzale

In alcuni punti la pavimentazione in autobloccanti neanche si vede più. E ci sono delle piscine al posto delle auto, che in tutto il resto della grande area di sosta occupano ogni posto regolamentato e oltre, dando vita a parcheggi creativi anche nei vialetti interni, rendendo più difficoltà le manovre.

Complice la pioggia intensa che si è riversata per tutto il giorno sul Lodigiano nella giornata di lunedì, ieri erano inagibili una manciata di posti auto nel parcheggio dell’ospedale Maggiore di Lodi, di fatto completamente sommersi dall’acqua. Le “piscine” artificiali create dall’acqua piovana che si è abbattuta sulla città si sono create in una porzione del parcheggio dedicato alla sosta libera, dove la pavimentazione degli stalli dedicati alle auto - a differenza dei vialetti interni - sono contrassegnati da autobloccati, in alcuni punti ammalorati. Segnali di degrado per l’usura del tempo anche negli asfalti della porzione di parcheggio con le strisce blu, con dislivelli e avvallamenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA