LODI Il marchio del Parco Adda Sud per l’impegno dell’Erbolario
Palazzina dell’Erbolario di Lodi

LODI Il marchio del Parco Adda Sud per l’impegno dell’Erbolario

Rispetto dell’ambiente e salvaguardia del territorio sono le motivazioni

Promuovere e sostenere tecniche produttive più rispettose dell’ambiente e salvaguardare le tradizioni del territorio. È questo l’impegno formale, in linea con i principi dell’azienda, assunto dall’Erbolario con l’adesione al Marchio del Parco Adda Sud avvenuta nei giorni scorsi. L’Erbolario riconferma così il suo stretto rapporto con il Parco Adda Sud e più in generale con il territorio, nel quale è attivo da oltre 40 anni.

Il presidente di Assolombarda Spada all’Erbolario con Daniela Villa e Franco Bergamaschi

Il presidente di Assolombarda Spada all’Erbolario con Daniela Villa e Franco Bergamaschi

«Siamo onorati di essere parte di questo importante progetto che valorizza la bellezza della flora e della fauna che circondano la nostra azienda – commenta il fondatore dell’Erbolario Franco Bergamaschi -. Ottenere il Marchio del Parco è una conferma del nostro impegno nella valorizzazione del territorio nel pieno rispetto dell’ambiente. Non solo, far sorgere la nostra azienda qui, all’interno di questo meraviglioso Parco, per noi significa mantenere un contatto costante con la natura, nostra fonte d’ispirazione quotidiana, e tutelarne la biodiversità». L’adesione dell’Erbolario è figlia dell’anima green che da sempre contraddistingue l’azienda di Lodi. Il sito produttivo, alle porte della città, occupa ad oggi 234 mila metri quadrati di area verde e ospita al suo interno migliaia tra alberi e arbusti autoctoni, e un orto botanico coltivati secondo i severi dettami dell’agricoltura biologica.

Tecnicamente si tratta di un marchio di garanzia di indicazione geografica, che tra gli obiettivi si propone quello di produzioni green e tradizionali. «La motivazione principale dell’adesione al Marchio è la volontà di concorrere alla valorizzazione di prodotti e attività presenti nel territorio del parco, perseguendo un valore aggiunto di tipicità e territorialità, legate ad un ambiente pregevole – spiega Francesco Bergamaschi, presidente Parco Adda Sud -. L’auspicio è quello di poter stimolare le imprese nel nostro territorio a una maggiore attenzione e rispetto dell’ambiente, anche creando nuove attività green. Tra i nostri principali obiettivi c’è quello di continuare a coinvolgere tutte le realtà che sono presenti o che operano nel territorio del Parco, anche con la concessione del Marchio, per portarle ad una maggiore presa di coscienza sulla questione ambientale, affinché possa diventare una attenzione dovuta in tutti i processi lavorativi»

Il Parco Adda Sud ha depositato il Marchio alla Camera di Commercio fin dal 2007. Il simbolo è il Germano reale, uno degli animali presenti nelle zone umide del Parco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA