LODI All’Albarola funziona l’ordinanza contro gli schiamazzi
Piazza Albarola

LODI All’Albarola funziona l’ordinanza contro gli schiamazzi

Orari rispettati, e così dalle 22 alle 8 la piazza si presenta deserta

Un mese di funzionamento, nessuna sanzione elevata nei controlli oltre l’orario sancito per lo stop a giochi e presenze in uno dei parchi più amati dalle famiglie della città. Compie un mese l’ordinanza pro-quiete per il parco dell’Albarola, provvedimento firmato dal sindaco Sara Casanova lo scorso 30 luglio ed entrato subito entrato in vigore per fermare i disagi denunciati per le presenze serali e notturne nel parco attrezzato con giochi per i piccoli, un campetto polifunzionale con pavimentazione anti-trauma e una zona con tavoli e panche. Principale novità del provvedimento sperimentale è proprio l’istituzione di una fascia di tutela notturna che di fatto prescrive uno “paralisi” tra le 22 e le 8 del mattino: finestra temporale in cui sono consentiti esclusivamente gli spostamenti da e per le abitazioni. Confermati nel documento anche un’altra serie di divieti e norme di comportamento - esplicitati anche nei cartelli posizionati ai varchi del parco - come il divieto di utilizzo dei giochi per i ragazzi maggiori di 12 anni, il divieto di utilizzo inappropriato delle attrezzature dedicate ai disabili e ancora il divieto di accesso agli autoveicoli, ai motocicli e ai ciclomotori, come quello per i cani, anche al guinzaglio, nell’area giochi attrezzatura. Spazio che deve essere di assoluto appannaggio dei piccoli sotto i 12 anni per i giochi in libertà, ovviamente fino alle 22. Palazzo Broletto aveva promosso un incontro con gli amministratori di condominio e poi con gli stessi condomini, nella piazza, a cui avevano preso parte il sindaco Casanova, il vicesindaco Maggi e il comandante della polizia locale Fabio Germanà. Ai residenti era già stato annunciato un periodo di intensificazione dei controlli e di verifica del rispetto delle disposizioni. E in questo primo mese di attività, come si spiega da palazzo Broletto, il riscontro che arriva dalla pattuglie che hanno effettuato i controlli è positivo, considerato che l’orario delle 22 viene rispettato e non c’è stata la necessità finora di elevare sanzioni. Un’ulteriore verifica verrà effettuata a settembre, per monitorare la situazione quando si saranno conclusi tutti i rientri della ferie e tutte le attività saranno riprese in modo ordinario.


© RIPRODUZIONE RISERVATA