L’ex sindaco Lodigiani sotto torchio per tre ore: «Ha risposto a tutte le domande»
Il municipio di Santo Stefano Lodigiano

L’ex sindaco Lodigiani sotto torchio per tre ore:

«Ha risposto a tutte le domande»

All’interrogatorio di garanzia ha partecipato anche il pubblico ministero titolare dell’inchiesta sui fatti del Comune di Santo Stefano

L’ex sindaco di Santo Stefano Lodigiano, Massimiliano Lodigiani, finito agli arresti domiciliari martedì all’esito delle indagini della guardia di finanza di Lodi, stamattina ha risposto per tre ore di fila alle domande del pubblico ministero Giulia Aragno e del gip Francesco Salerno riguardanti i nove capi d’imputazione provvisoria che lo vedono indagato. «Ha cercato di contestualizzare tutte le vicende - spiega il suo avvocato Adriano Bazzoni di Milano - e ha risposto al pm senza prendere tempo nè recriminare, dando piena disponibilità e senza neppure voler concordare a tavolino strategie difensive». Tra le accuse, la falsificazione di testamenti di anziani, l’appropriazione di risparmi di un disabile, la turbativa d’asta relativa a immobili messi in vendita dal Comune e anche la truffa al Consorzio acqua potabile in relazione ai rimborsi dei permessi per esercitare le funzioni di sindaco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA