L’Esercito lascia Sant’Angelo: chiude l’hub per le vaccinazioni
Il centro vaccinale di Sant’Angelo

L’Esercito lascia Sant’Angelo: chiude l’hub per le vaccinazioni

Stop dopo 138 giorni. Il sindaco: «Rassicurazioni sulla ripresa»

Dopo 138 giorni si interrompe l’esperienza del centro vaccinale del Cupolone a Sant’Angelo. Ieri ultimo giorno di somministrazioni per i lodigiani del centro e per tutti coloro che hanno scelto Sant’Angelo, i militari se ne vanno, il personale di Asst rientra in servizio in ospedale. Il punto vaccini è stato gestito insieme dall’Asst di Lodi e dall’esercito italiano. Ma più che un addio sembra un arrivederci, dopo che lo stesso ministro alla Difesa Lorenzo Guerini aveva assicurato nei giorni scorsi la disponibilità delle Forze Armate a riprendere la campagna in autunno, se necessario.

L’avvio dell’hub di Sant’Angelo era avvenuto il 22 marzo passato, e nel centro si sono vaccinate tra le 400 e le 600 persone al giorno mediamente. Accanto a medici e infermieri, per tutto questo tempo l’accoglienza è stata gestita dai volontari di protezione civile, con la presenza costante della Croce Bianca di Sant’Angelo per far fronte a piccoli o grandi imprevisti. Gli utenti hanno sempre apprezzato per tutto questo periodo la puntualità e la professionalità di tutti gli operatori, e salvo rarissime occasioni soprattutto all’inizio dell’attività, in seguito non si sono mai registrati assembramenti o disagi per i cittadini. Asst non ha comunicato quanti siano state le dosi somministrate al Cupolone in questi 4 mesi. Resta il punto interrogativo sul futuro, non tanto sulla disponibilità dell’hub ma sulle modalità di prosecuzione della campagna vaccinale nella sua interezza. La struttura è stata messa a disposizione dall’amministrazione comunale di Sant’Angelo all’Asst (che l’ha allestita) per tutto il 2021, con una sorta di diritto di opzione per il 2022. Al momento non è previsto il suo smantellamento, e potrebbe riaprire i battenti quindi in autunno per la nuova campagna di richiamo, sulle cui modalità però ci sono ancora incertezze. Dal versante politico il futuro sembra però tracciato. Sull’importanza avuta dal centro vaccinale allestito al Cupolone è intervenuto infatti ieri anche il sindaco di Sant’Angelo Maurizio Villa, nell’incontro ufficiale con il Prefetto Montella a Palazzo Delmati. «Non è stato semplice portare un hub vaccinale a Sant’Angelo, al Cupolone, ma ci siamo riusciti - ha detto Villa - e questa struttura in questi mesi si è rilevata fondamentale: una realtà che oggi chiuderà per ferie, ma che continuerà a dare un contributo e a operare anche in futuro, come ci è stato assicurato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA