LODIGIANO Le case di riposo falcidiate dal virus
Sopra, uno striscione appeso all’esterno della casa di riposo Santa Chiara di Lodi

LODIGIANO Le case di riposo falcidiate dal virus

I dati forniti dall’Agenzia per la tutela della salute comprendono ospiti ricoverati e operatori interni

Nella città di Lodi e nei comuni del Centro Lodigiano che affrontano l’emergenza sanitaria 586 persone sono ospitate in sette case di riposo. I numeri forniti dall’Ats (Agenzia di tutela della salute), in risposta a una richiesta del consigliere regionale Nicola Di Marco (M5S), disegnano la mappa del contagio con rilevazione effettuate nel periodo tra il 20 febbraio e il 6 maggio.

Santa Chiara a Lodi è la principale struttura sul territorio e ospita 187 persone. In 52 sono risultate positive al tampone per verificare l’infezione da Covid-19 e quindi collocate in isolamento in stanze singole o di coorte. Quarantatrè sono stati i decessi sospetti o accertati per l’infezione (rispettivamente 36 e 7) e 44 quelli riconducibili a patologie non legate al coronavirus. Dieci operatori sono stati collocati in isolamento domiciliare a seguito del tampone positivo e 13 in isolamento domiciliare sono in attesa della negatività dello stesso.

Sempre a Lodi, presso la Rsa Santa Savina, gli ospiti sono 76. Non ci sono stati casi sospetti di positività al virus, dopo 4 decessi riconducibili al Covid-19 e altri 4 per altre patologie. Gli operatori collocati in isolamento domiciliare con sintomatologie sospette sono stati 2, mentre 1 è risultato positivo al tampone e 1 è in attesa della negatività dello stesso.

La Fondazione Pietro Zoncada, a Borghetto Lodigiano, conta 69 ospiti. Quattro hanno rivelato sintomi sospetti, 36 sono risultati positivi al tampone (posti in isolamento in stanza singole), uno ricoverato in ospedale per un totale di 41 casi sospetti o accertati di contagio. I decessi sono stati 18, di cui 9 per Covid-19 (4 sospetti e 5 accertati) e altrettanti per patologie non correlate. Per quanto riguarda gli operatori sono stati cinque quelli in isolamento domiciliare a seguito di tampone positivo, 3 sono in isolamento in attesa della negatività del tampone.

Alla Fondazione Madre Cabrini Onlus di Sant’Angelo gli ospiti in struttura sono 86. Tra questi le infezioni da Covid-19 sono state 59, per 58 il tampone è risultato positivo (56 collocati in isolamento in stanze singole) e 1 è stato ricoverato in ospedale. I decessi per contagio sono stati 45 (8 per il coronavirus, 37 sospetti), mentre 3 quelli relativi ad altre situazioni cliniche. Gli operatori in isolamento domiciliare sono stati 29 (7 positivi al tampone, 22 in attesa della negatività dello stesso).

Alla Casa Santa Teresa di Livraga gli ospiti registrati sono 48. In 34 sono risultati positivi (collocati in stanze singole), 1 persona per sospetta infezione è stata invece trasferita in ospedale. I decessi sono stati 9, di cui 2 per Covid-19 (1 sospetto e 1 accertato) e 7 per patologie non correlate. Gli operatori in isolamento domiciliare per sospetta infezione o accertata sono stati 12 (rispettivamente 2 e 10) e altre due sono in attesa del tampone negativo.

A Mulazzano la Rsa La Mutualistica gli anziani accolti sono 57, uno solo isolato in stanza singola, senza che risultino situazioni di contagio. I decessi sono stati 3, nessuno legato all’infezione. Per quanto riguarda gli operatori, invece, 3 sono i casi sospetti o accertati (rispettivamente uno e due) con relativa collocazione in isolamento domiciliare.

Alla Rsa Valsasino di San Colombano i degenti sono 63, tra cui 22 sono risultati con tampone positivo e uno ricoverato in ospedale per sintomatologia sospetta. I decessi accertati da Covid-19 sono stati 5 e 7 per altre patologie. Gli operatori positivi al tampone e isolati presso il proprio domicilio sono stati invece 4.


© RIPRODUZIONE RISERVATA