Lodi, l’Università di Veterinaria studia la qualità dell’aria grazie alle api

Lodi, l’Università di Veterinaria studia la qualità dell’aria grazie alle api

Il progetto sarà realizzato in collaborazione con il Pellicano di Vidardo

Misureranno l’inquinamento ambientale studiando le api. A farlo, se il progetto sarà approvato, sono i ricercatori della facoltà di Veterinaria dell’Università statale di Milano che sta mettendo radici a Lodi. Capofila dell’iniziativa è il Pellicano che alleva le api a Vidardo e che l’anno scorso ha prodotto ben 200 chili di miele, senza contare i 50 chili smielati in montagna. «Metteremo due postazioni con le arnie - spiegano per l’associazione Marco Denti e Chicco Castelvecchio -, una a Lavagna, nella città delle api, l’altra presso il Sanfereorto, al Chiosino. Il progetto è realizzato insieme al Movimento lotta contro la fame nel mondo. Lo scopo è anche quello di sensibilizzare la popolazione sull’importanza delle api e sull’importanza della biodiversità».

«Le api - spiega la ricercatrice della facoltà di Veterinaria dell’università di Milano, dipartimento Vesta, Anna Costa - sono un indicatore biologico dell’ambiente nel quale vivono, crescono e lavorano. La vita delle api dura una quarantina di giorni. Il nostro obiettivo è studiare le api appena morte e poi analizzare la presenza di 26 metalli pesanti sul loro corpo, soprattutto il piombo che arriva dai processi di combustione e dal traffico».


© RIPRODUZIONE RISERVATA