Lavorano l'acciaio nel capannone a 30 gradi: scatta lo sciopero
Una manifestazione sindacale (Foto by archivio)

Lavorano l'acciaio nel capannone a 30 gradi: scatta lo sciopero

Protesta a San Colombano, «ventilazione insufficiente»

Al caldo e senza contratto integrativo. Lavorano l’acciaio con più di 30 gradi in fabbrica e senza poter aprire le porte e per questo è pronto l’esposto all’Ats Città Metropolitana per le condizioni di lavoro in un’azienda di San Colombano al Lambro. Lavoratori e sindacati non intendono scontare nulla all’azienda, dal momento che la vertenza sull’armonizzazione del contratto integrativo non fa passi avanti. Ieri 4 ore di sciopero delle tute blu, con assemblea per la strada perché l’azienda non ha concesso gli spazi interni.

L’azienda fa capo a un gruppo bresciano, che nel contratto integrativo non vuole riconoscere ai 38 dipendenti di San Colombano lo stesso trattamento previsto per i lavoratori della Valcamonica. Da metà maggio i lavoratori banini, con Fiom Cgil e Fim Cisl, hanno attivato un pacchetto di 32 ore di sciopero, da svolgersi a singhiozzo, cercando di aprire una trattativa con l’azienda, finora inutilmente. In questo clima torrido, il caldo della fabbrica si sente ancora di più.

Leggi l’approfondimento sul Cittadino di Lodi in edicola oggi 24 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA