L’aula del consiglio di Paullo diventa “intelligente”

L’aula del consiglio di Paullo diventa “intelligente”

Un sistema di telecamere e di diffusori acustici la fanno assomigliare a uno studio televisivo

In sala consiliare come in uno studio televisivo. A Paullo non solo sarà solo possibile trasmettere in streaming le sedute del consiglio comunale, ma organizzare conferenze ed eventi. Il primo appuntamento potrebbe essere proprio l’anniversario degli 800 anni della Muzza, che si celebreranno online il 28 novembre. Ormai completati i lavori di posa degli impianti audio-video, restano solo da svolgere i test per usufruire del nuovo “set”: un’infrastruttura tutta nuova con microfoni, telecamere mobili, diffusione acustica. Non a caso il compito di curare il progetto è stato affidato a professionisti che operano nel modo della televisione. «I risultati – commenta l’assessore alla comunicazione Gabriele Guida – sono stati ottimi. Volevamo qualcosa più dello streaming e lo abbiamo ottenuto». Il Comune di Paullo, decenni fa, era stato tra i primi ad aprire alla registrazione audio delle sessioni del consiglio comunale. Ma l’impianto che era modernissimo allora, attualmente con tanti Comuni che hanno virato sullo streaming, risulta obsoleto. Ecco perché l’amministrazione ha deciso di cambiare. «Il nostro impianto era giunto a fine corsa e abbiamo puntato su una soluzione di ultima generazione – prosegue Guida -. Era nel nostro programma elettorale, volevamo avviare questa trasformazione entro la fine di quest’anno e già oggi siamo pronti». Il sistema prevede proiettore e telecamera automatizzata che si orienta per la ripresa inquadrando direttamente chi interviene (gli interventi saranno registrati e editati con sottopancia e testo). Non solo: è possibile manovrare (a 360 gradi) la telecamera principale tramite un joystick con la possibilità di filmare la platea o focalizzare particolari, soprattutto in occasione di grandi eventi o conferenze. I microfoni e le casse acustiche permetteranno una qualità audio quasi perfetta. Per l’accesso alle riprese bisognerà solo cliccare sul link che si potrà a breve trovare sul sito del Comune di Paullo per godersi in diretta o in differita (tutte le sedute saranno disponibili nell’archivio) le sessioni. L’investimento è di 30mila euro in tre anni. «Parte dei costi sono relativi a licenze, hardware e software - conclude Guida -. Il fornitore ci consentirà di migliorare e aggiornare gli impianti al termine dei tre anni, quando diventeremo a pieno titolo proprietari dell’infrastruttura».


© RIPRODUZIONE RISERVATA