L’allarme del primario: «Contro i tumori al seno si torni a fare lo screening»
Una mammografia

L’allarme del primario: «Contro i tumori al seno si torni a fare lo screening»

Il responsabile di oncologia del Predabissi Andrea de Monte lancia l’allarme per la riduzione delle visite dovuta alla paura del Covid

«Sappiamo che dobbiamo convivere con il Covid, ma è importante che le donne tornino negli ospedali e negli ambulatori per sottoporsi agli screening di prevenzione del tumore al seno in quanto una diagnosi precoce eleva la possibilità di guarigione». L’appello si alza dal primario di oncologia dell’ospedale Predabissi Andrea De Monte, il quale sottolinea il ruolo decisivo che ricoprono i controlli periodici per la diagnosi precoce del tumore, grazie alla quale le pazienti subiscono interventi meno invasivi ed elevano quindi la probabilità di lasciarsi alle spalle la malattia per riprendere in tempi rapidi a condurre una vita normale.

Lo specialista sottolinea anche gli effetti negativi legati agli appuntamenti periodici con la salute che sono saltati a causa della paura del contagio, che potrebbero vedersi tra un anno. Il consiglio che rivolge quindi ai cittadini, e in questo caso alle donne, è quello di correre subito ai ripari e di prenotare gli screening onde evitare di cumulare degli ulteriori ritardi.

L’intervista completa sul Cittadino in edicola oggi, venerdì 26 febbraio 2021


© RIPRODUZIONE RISERVATA