L’abbattimento delle nutrie è fallito

Nutrie aumentate e piccioni sempre più numerosi: gli agricoltori di Maleo chiedono aiuto alla Provincia di Lodi. «Il piano di contenimento delle nutrie della Provincia non è sufficiente - denunciano gli agricoltori -, ce ne sono sempre di più: bisogna trovare soluzioni alternative». Martedì sera nel municipio di Maleo si sono riuniti alcuni agricoltori del paese, convocati per l’assemblea annuale dal consigliere comunale con delega all’agricoltura Dante Sguazzi, affiancato dal vicesindaco Peppino Maggi. All’incontro è intervenuto però anche l’assessore provinciale all’agricoltura Matteo Boneschi, per affrontare l’attualissimo tema delle riforme Pac e ascoltare i problemi degli agricoltori locali.

«Il piano di contenimento delle nutrie non dà frutti e c’è da domandarsi se li darà il recente piano dei piccioni che la Provincia ha stabilito - si sono subito sfogati gli agricoltori -, perché ormai sono dappertutto».

Soltanto nel periodo 2010/2011, nell’ambito del piano contenimento delle nutrie, ne erano state abbattute sul suolo malerino circa 800 esemplari con arma da fuoco, da parte degli incaricati, nella zona cacciabile.

«Io avevo 5 gabbie, ora 4, di quelle messe a disposizione dalla Provincia per catturare le nutrie da soli (soluzione alternativa per chi non ha la licenza per sparare, ndr) - ha spiegato un agricoltore -, e ne ho presi numerosi esemplari nel pezzo che mi riguarda, ma questi animali si riproducono a ritmi spaventosi, sono in continuo aumento, e anche tra gli agricoltori c’è chi si dà da fare e chi no: la Provincia non può censire chi si applica e chi no e obbligare tutti gli agricoltori ad agire?». «Bisogna trovare delle esche adatte - hanno proposto altri - stando attenti a non danneggiare altre specie».

Ma gli agricoltori hanno ufficialmente dichiarato guerra pure ai piccioni. «Anche in questo caso sparare sarebbe un palliativo come il piano contenimento delle nutrie - ha spiegato un agricoltore -, bisogna trovare soluzioni efficaci». E sui piccioni hanno sottolineato: «Bisogna aspettare che ci sia un caso conclamato di qualche contagio di una malattia fra animale e uomo per poter eliminare questi soggetti?».

Sulle riforme Pac, invece, Boneschi ha precisato: «A fronte della riduzione dei budget per l’Italia, per il momento credo che le riforme Pac penalizzino i nostri agricoltori».

Comunque grati per il tempo clemente e per la bella stagione appena trascorsa, gli agricoltori di Maleo celebreranno la tradizionale Giornata del Ringraziamento domenica 13 novembre. La manifestazione è promossa da comune e parrocchia e avrà inizio alle 10 con il ritrovo dei mezzi agricoli in piazza. Seguirà la Santa Messa alle 11 con offerta dei prodotti della terra da parte degli agricoltori e quindi benedizione dei mezzi agricoli.

«Il piano di contenimento della Provincia è insufficiente, nei campi c’è una vera e propria invasione di nutrie»: agricoltori all’attacco in un infuocato incontro a Maleo con l’assessore Boneschi. Nella zona ne sono state abbattute 800, adesso nel mirino ci sono anche i piccioni in continuo aumento


© RIPRODUZIONE RISERVATA