La sfida di Giulia e Valentina alla crisi

La sfida di Giulia e Valentina alla crisi

Giulia e Valentina Marzani hanno dato vita al

“Calimera”, uno spazio per proporre diverse attività, dall’arteterapia ai laboratori per piccoli e grandi

San Donato: in via Jannozzi al civico 2 apre i battenti “Calimera”: uno spazio di servizi alla persona, frutto di un’idea delle sorelle Giulia e Valentina Marzani, che insieme stanno realizzando il sogno di far decollare un’impresa al femminile in cui portare la loro esperienza maturata nel sociale.

Entrambe specializzate in arteterapia, con alle spalle un lungo percorso tra i detenuti del carcere, dopo due anni di preparativi nei giorni scorsi hanno aperto alla città un luogo che durante il giorno ospiterà una ludoteca, o meglio una “creoteca” abbinata ad un servizio di baby sitter, a cui si sommeranno corsi e incontri alla presenza di professionisti. «Il nostro obiettivo - spiega Valentina -, è di offrire un’insieme di attività che vedano al centro la persona: ad esempio le famiglie potranno accompagnare da noi gli anziani che non possono state soli in casa per consentire loro di trascorrere qualche ora in compagnia, a cui si aggiungono poi i servizi dedicati ai bambini che sono stati pensati per dare risposte alle esigenze di flessibilità delle famiglie». Non solo. Lo stesso indirizzo sarà sede anche di consulenze e percorsi. «Nel tempo - spiega una delle due promotrici -, abbiamo stretto una rete di contatti con più realtà sociali come ad esempio l’associazione di ostetriche per il parto in casa, piuttosto che con un gruppo di psicologhe che saranno a disposizione a costi sostenibili, le quali collaboreranno con noi».

La società avrà tre dipendenti, di cui due educatrici con alle spalle esperienze negli asili, a cui si aggiunge una signora che sino ad ora è stata impegnata in un micronido in casa. «Metteremo insieme le diverse esperienze - riprende Valentina -, con l’impegno di creare un ambiente accogliente e famigliare». È stato pensato un confortevole arredo minimalista «per lasciare spazio alla creatività», dove tutto è però studiato nei minimi particolari, a partire dall’utilizzo di vernici anallergiche.

Il locale di 130 metri quadrati questa settimana è aperto ai visitatori al mattino, mentre non appena entrerà a pieno regime, la saracinesca sarà alzata dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 fino alle 18.30 per quanto riguarda i principali servizi, dopodiché nel tardo pomeriggio e in serata “Calimera” ospiterà una serie di altre iniziative. Il sabato mattina proseguiranno le attività dedicate ai più piccoli e la domenica sarà possibile organizzare feste di compleanno. I costi? Varieranno a seconda della formula scelta che può prevede da una singola ora di baby sitter fino all’acquisto di un carnet, con l’intenzione delle ideatrici di studiare e consigliare soluzioni sulla base delle singole esigenze. Ulteriori informazioni reperibili su www.spaziocalimera.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA