Indagini e sequestri della Finanza, scoppia il caso “Santo Stefano”

Indagini e sequestri della Finanza, scoppia il caso “Santo Stefano”

Nel mirino presunte irregolarità nella gestione degli amministratori di sostegno

Scoppia il caso al Comune di Santo Stefano Lodigiano: presentati alcuni esposti in procura per presunte irregolarità nei permessi amministrativi e nella gestione degli amministratori di sostegno compiute nel corso degli ultimi anni. Le indagini vanno avanti da mesi e nelle ultime settimane hanno portato a perquisizioni della guardia di finanza a casa di ex amministratori e sequestri. La vicenda riguarderebbe l’attività amministrativa precedente l’insediamento del sindaco dimissionario Valentina Pellini lo scorso maggio e il successivo commissariamento del Comune. Dalle informazioni raccolte gli inquirenti starebbero passando al setaccio registri e atti comunali a partire dagli inizi del 2000 fino alle ultime elezioni amministrative. Intanto sono state sentite (tecnicamente “assunte a sommarie informazioni”) più persone in grado di riferire circostanze utili ai fini delle indagini. Un caso che sta creando fibrillazione in paese.


Leggi l’approfondimento sull’edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 22 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA