In Lombardia 256 nuovi contagiati e 4 decessi, in provincia di Lodi 6 positivi

In Lombardia 256 nuovi contagiati e 4 decessi, in provincia di Lodi 6 positivi

In Italia lieve flessione dei casi ma diminuiscono anche i tamponi

LOMBARDIA I nuovi casi di coronavirus sono 256 (di cui 32 debolmente positivi e 8 a seguito di test sierologico), 4 i decessi, complessivamente 16.941. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono 19.137, in totale 2.051.849. I guariti/dimessi sono 79.960 (+336), di cui 1.506 dimessi e 78.454 guariti, i pazienti in terapia intensiva 30 (=), i ricoverati non in terapia intensiva 312 (+12).

I nuovi casi per provincia: Milano 92, di cui 57 a Milano città; Bergamo 25; Brescia 27; Como 10; Cremona 7; Lecco 4; Lodi 6; Mantova 9; Monza e Brianza 26; Pavia 5; Sondrio 3; Varese 41.

ITALIA Lieve calo dei contagi e dei decessi da coronavirus in Italia ma anche lieve calo dei tamponi. Sono i dati che emergono dal bollettino del ministero della Salute che registra in Italia un incremento di 1.869 contagi rispetto ai 1.912 in più di ieri, dato che porta il totale dei contagi da inizio pandemia a 308.104. In leggera diminuzione anche le vittime, 17, contro le 20 del giorno prima: il totale dei morti da Covid-19 sale a 35.818. Calo anche per i tamponi a quota 104.387 rispetto ai 107.269 di ieri. A livello territoriale, la mappa dell’Italia vede contagi in tutte le regioni, con la Campania che registra il maggior incremento di casi (+274), seguita da Lombardia (+256), Lazio (+219), Veneto (216) e, in particolare, la provincia di Napoli (+173): dati che non faranno certo contento il governatore campano Vincenzo De Luca, pronto a chiudere tutto in caso di aumenti vertiginosi.

MONDO Se la situazione in Italia sembra tutto sommato ancora sotto controllo, l’Europa e il resto del mondo vedono un aumento esponenziale dei casi. Particolarmente preoccupante la situazione in America, dove gli Stati Uniti hanno superato i 7 milioni di casi (7.005.746, dati Johns Hopkins University) e almeno 203.240 morti in una vera escalation di contagi: in soli 25 giorni (31 agosto-25 settembre) gli States hanno visto un milione di casi in più.

Non va meglio in America Latina: in Messico nelle ultime 24 ore sono stati rilevati 5.401 nuovi casi di coronavirus, mentre altre 405 persone sono morte, come precisato dal ministero della Salute, per un totale di 720.858 casi positivi, con oltre 75mila vittime. Sono invece 31.911 i casi confermati in Brasile, con 729 morti in un solo giorno: il bilancio ufficiale delle vittime è salito a 140.537, secondo i dati del ministero della Salute brasiliano, numeri che ieri hanno portato ad annullare il Carnevale di Rio De Janeiro. Stessa sorte è toccata al Carnevale di Panama, annullato a causa del coronavirus, come confermato dal ministro della Salute, Luis Francisco Sucre. «Al momento siamo concentrati sulla salute di tutti», ha detto il ministro secondo quanto riporta la stampa locale. Panama, che conta 4 milioni di abitanti, è il Paese centro-americano con il maggior numero di contagi, avendo registrato oltre 109mila casi di coronavirus e 2.311 morti.

I numeri e le vittime non fermano però le proteste di chi ritiene eccessive le misure restrittive dei governi. È il caso di Londra, dove si sono avuti scontri a Trafalgar Square tra la polizia e i manifestanti anti-lockdown: migliaia di persone, molte delle quali senza mascherine, hanno affollato la piazza nel centro città per protestare contro le restrizioni imposte al governo dopo gli aumenti di contagi, ricoveri e decessi nel Paese che già conta il maggior numero di vittime in Europa, con circa 42mila morti confermati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA