Lodi città universitaria per ora rimane un sogno realizzato a metà
Un tratto interessato dai lavori per la ciclabile

Lodi città universitaria per ora rimane un sogno realizzato a metà

Lo scorso ottobre l’avvio dei corsi di Veterinaria nel moderno complesso, ma il polo resta isolato dalla città

Che si scelga la bici o i mezzi pubblici, il nuovo polo universitario di Lodi rimane troppo lontano da raggiungere dalla città. Così il sogno di una Lodi città universitaria rimane tale e si ferma alla tangenziale, oltre la quale sorge la moderna struttura nella quale lo scorso ottobre sono cominciati i corsi di Veterinaria. E anche gli studenti della struttura lodigiana dell’università di Milano restano per la maggior parte lì, alle porte della città, che viene solo sfiorata dalla novità che la riguarda.

I lavori per il percorso ciclabile sono iniziati nel mese di febbraio e proseguiranno durante l’estate, appaltati all’impresa Vima di Spigno Saturnia (Latina), per un valore di 192.031,65 euro - in un quadro economico complessivo di 350mila euro. A dicembre 2017 il sindaco Sara Casanova aveva annunciato in conferenza stampa che a settembre 2018 i lavori sarebbero partiti ed entro aprile 2019 il sottopassaggio sarebbe stato già pronto e agibile, ma il traguardo è ancora lontano.

Un tratto interessato dai lavori per la ciclabile

Un tratto interessato dai lavori per la ciclabile

Un tratto interessato dai lavori per la ciclabile

Le alternative per raggiungere l’Università sono rappresentate dal bus o dall’auto. Il servizio navetta, offerto dalla Line, è attivo con una corsa ogni venti minuti nella fascia oraria che va dalle 7.40 alle 14.20, dal lunedì al sabato. Dalle 15.20 invece è prevista una corsa all’ora, fino alle 19.20, ma non è prevista la corsa delle 18.20. Il tragitto - chiamato Linea 4 - parte dal terminal della stazione ferroviaria e prevede le fermate di piazza Omegna, viale Europa (angolo via Marescalca), piazzale Università e Ptp (Parto Tecnologico Padano). In stazione, però, non c’è alcun cartello che indichi il luogo di partenza della navetta, il che potrebbe mettere in difficoltà chi arriva da fuori città.


© RIPRODUZIONE RISERVATA