Il coprifuoco non ferma i ladri: una notte di vandalismi e intrusioni a Valera
Una delle auto prese di mira dai ladri

Il coprifuoco non ferma i ladri: una notte di vandalismi e intrusioni a Valera

Sono state prese di mira le vetture parcheggiate. I malviventi hanno spaccato i vetri per rovistare negli abitacoli

Notte di vandalismi, intrusioni e razzie a Valera. Tra lunedì e martedì sono state numerose le auto violate. La particolarità è che ad essere presa di mira non è stata solamente una via o un comprensorio, ma tutto il paese in cui i soliti ignoti, favoriti dal buio e dalle attuali restrizioni che con il coprifuoco portano ad avere ancora meno persone fuori casa durante le ore serali, hanno potuto agire indisturbati. In tutti i casi i ladri hanno deciso di rompere uno dei vetri per aprire poi gli sportelli delle auto, senza cercare di silenziare possibili antifurto. Impossibile fare una stima delle macchine passate in rassegna: al primo pomeriggio di ieri infatti le denunce effettuate ai carabinieri erano ancora poche rispetto al gran numero di fotografie che le vittime hanno postato sui social, sul gruppo “Sei di Valera se”, in particolare dove dal pomeriggio di ieri a turno almeno una decina di residenti hanno raccontato quanto accaduto. Vetri sparsi sui sedili e carte alla rinfusa sui tappetini per cercare di recuperare qualche oggetto prezioso lasciato magari distrattamente all’interno del mezzo, le immagini più ricorrenti. I malviventi non si sono limitati a colpire quelle auto presenti lungo le pubbliche vie, visto che in alcuni casi sono stati scavalcati anche cancelli di abitazioni private. Un episodio simile era già accaduto a Brembio un mese e mezzo fa. Anche qui però il bottino era stato misero, con solo pochi euro recuperati dai portaoggetti. E così è stato anche a Valera, dove a sparire è stato a un ombrello.


© RIPRODUZIONE RISERVATA