Lodi, il cavalcavia di viale Europa perde altri pezzi

Lodi, il cavalcavia di viale Europa perde altri pezzi

Ancora calcinacci a terra sotto il viadotto di Robadello: «A maggio i lavori per la messa in sicurezza»

Continuano i distacchi di calcinacci dal cavalcavia di viale Europa. Già nei primi giorni di febbraio per il forte vento dalla struttura costruita nel 1978 e fortemente degradata erano cadute a terra porzioni di soletta. E ancora nei giorni scorsi i passanti hanno segnalato degli altri crolli.

Proprio ieri sono partite le prime verifiche in zona. Per la messa in sicurezza del sovrappasso il Broletto ha dato incarico alla ditta Novedil di Dovera (Cremona) che si è aggiudicata la gara, grazie a un ribasso d’asta del 6 per cento circa. L’importo delle opere rideterminato dal ribasso è di 97mila euro circa (a fronte di un quadro economico complessivo di 140mila euro circa). «La ditta ha svolto oggi (ieri per chi legge, ndr) delle operazioni di battitura delle armature per verificare che non ci siano altri frammenti che possono staccarsi, l’area era già stata transennata e il cantiere in viale Europa è uno dei primi che dovrebbe partire dopo il 4 maggio, con la ripresa delle attività», informano dagli uffici del Broletto. Si stima che le opere possano partire nel giro di qualche settimana. Il cavalcavia, che sovrasta un percorso ciclopedonale e piazza Martiri della Libertà, evidenzia perdite di acqua e distacchi di calcinacci dall’impalcato e le travi di sostegno mostrano ormai le armature. Tra gli interventi previsti la sistemazione delle canaline di scolo e delle ringhiere laterali del ponte, ma anche il risanamento di calcestruzzo delle parti ammalorate attraverso la demolizione e sostituzione di tutte le parti friabili, incoerenti o in fase di distacco. Per il cantiere si stima che serviranno 60 giorni di tempo per portare a termine la cura straordinaria: diversi residenti e frequentatori del parco (dove è presente anche la casa di quartiere) hanno segnalato l’allerta per le murature a pezzi, le pareti sono coperte da graffiti, ma i distacchi sono evidenti e occorre fare attenzione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA