Il 2 novembre gli infermieri in sciopero anche a Lodi VIDEO

Il 2 novembre gli infermieri in sciopero anche a Lodi VIDEO

La protesta indetta dalla siglia “Nursing up”: «Siamo tra i meno pagati in Europa»

Gli infermieri incroceranno le braccia il 2 novembre. A indire lo sciopero è stato il sindacato Nursing up. «L’obiettivo - commenta Vittorio Mauro del Nursing up - è uscire dal comparto e avere un’area contrattuale autonoma, solo per noi o quantomeno per le professioni sanitarie. Poi c’è il discorso degli stipendi. Quelli degli infermieri sono tra i più bassi d’Europa. Noi chiediamo l’allineamento con gli stipendi europei. Prendiamo 1500 - 1600 euro al mese, ma una parte del salario è legato alle indennità, ferme da 25 anni. Un’ora di pronta disponibilità ci viene pagata poco più di 2 euro. Ai medici è consentita la libera professione, noi, invece, abbiamo il rapporto di esclusività con l’azienda. Se uno va a casa di qualcuno a fare una flebo è perseguibile».

Sul tavolo c’è anche il discorso degli organici. «Già prima dell’emergenza in Italia mancavano 50mila infermieri, in emergenza il fabbisogno è salito a 70mila - spiega Mauro -. In Lombardia mancano 5 mila unità, ma in epoca prepandemica. Gli infermieri sono infuriati perché sono stati definiti eroi, adesso si sono dimenticati degli eroi e tutte le promesse fatte sono state disattese. Vogliamo essere considerati professionisti, vogliamo rispetto». «Per quanto ci riguarda - commenta invece il rappresentante della Cgil Giovanni Bricchi -, noi siamo contrari all’uscita degli infermieri dal comparto. Sarebbe un indebolimento della loro posizione. Ce lo insegna la storia del movimento operaio. La loro situazione, fuori dal comparto del pubblico impiego peggiorerebbe, avrebbero meno forza. Anzi, io sono un fautore del fatto che bisognerebbe riportare dentro anche i medici e gli altri operatori sanitari». Per quanto riguarda Lodi, l’Asst incontrerà, a breve, i rappresentanti del comparto e i medici per discutere delle questioni arretrate, a partire dalla produttività 2020. Sempre sul fronte sindacale, la Fisi, invece, ha indetto una fiaccolata, questa sera, alle 20.30, a Sant’Angelo, per i temi locali.n 
C. Ver.


© RIPRODUZIONE RISERVATA