I profughi non ci sono, allerta per i topi

I profughi non ci sono, allerta per i topi

Seconda ispezione dell’ex Asl nel centro di via Selvagreca, poi partono i lavori

Seconda ispezione dell’Ats (Agenzia per la tutela della salute, cioè l’ex Asl), il centro profughi di via Selvagreca resta chiuso. I 29 ragazzi sono stati trasferiti in altre strutture per dare la possibilità alla cooperativa Milano solidale di effettuare i lavori di pulizia profonda e messa a norma dei locali, entro 30 giorni. La scorsa settimana, in prossimità della scadenza, l’Ats ha effettuato un secondo sopralluogo, ma i lavori non sono stati ancora ultimati.

Fino alla scorsa settimana i sacchi dei rifiuti riempivano il cortile e dai residenti è scattata l’allerta per la presenza dei topi. In zona, infatti, sorgono attività commerciali e abitazioni private.

All’inizio di questa settimana i vertici della cooperativa hanno effettuato un sopralluogo nel centro profughi. I rifiuti sono stati rimossi. Al posto dei sacchi pieni di immondizia è presente una fila di cassonetti nuovi per la raccolta differenziata e il cortile ha un altro aspetto.

La prefettura ha aperto un altro bando per la gestione dei richiedenti asilo. Prima di poter continuare nel progetto Milano solidale deve ultimare i lavori di messa in ordine del centro, dipingere e adeguare i bagni.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola l’11 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA