Gli orti del Pellicano, un’agricoltura solidale che punta a crescere
Da sinistra Paolo Belloni e Peppo Castelvecchio del Pellicano

Gli orti del Pellicano, un’agricoltura solidale che punta a crescere

Il bilancio e le aspettative di un’iniziativa per le persone svantaggiate

È nato nel 2015 come un esperimento di agricoltura solidale. Un piccolo orto accanto alla comunità il Pellicano di Vidardo si è trasformato in una vera azienda solidale, con più di due ettari di terreno per produrre ortaggi, una cinquantina di galline ovaiole, nove arnie, un centro di trasformazione per composte di frutta e una piccola falegnameria dove si lavorano prodotti per l’apicoltura. Questo è servito per favorire l’inserimento lavorativo in condizioni protette di persone fragili e senza occupazione, e la creazione di una rete di distribuzione attraverso il Gruppo d’acquisto popolare. Venerdì, al centro commerciale My Lodi, Peppo Castelvecchio del Pellicano e Paolo Belloni, responsabile del progetto, hanno fatto il punto della situazione ed espresso i progetti futuri.

L’intermezzo musicale di Evasio Muraro

L’intermezzo musicale di Evasio Muraro

Un momento della presentazione del progetto

L’intenzione è ampliare l’orto, sfruttando qualche altro ritaglio di terreno, ma soprattutto di ingrandire il frutteto con la piantumazione di 200 alberi, di ampliare l’allevamento di galline portandolo a 200 unità, e incrementare la produzione di miele arrivando da 9 a 20 arnie. Castelvecchio ha espresso il senso profondo di questa iniziativa: «Terra, pace, pane sono le tre parole chiave di questo lavoro. La terra non è nostra, e tantomeno mia. Non è del Pellicano, ma è di Dio. Per questo bisogna valorizzarla, perché è un bene messo a disposizione di tutti gli uomini» ha detto, ringraziando tutti quelli che hanno sostenuto il progetto, tra associazioni, istituzioni e fondazioni come la Fondazione Bpl, che si è resa disponibile per sostenere l’acquisto di un piccolo trattore, e la Fondazione Comunitaria, che ha permesso la costruzione della “Casa con le ali”, che funge da pollaio e da spazio per le arnie.

Un momento della presentazione del progetto

Un momento della presentazione del progetto

L’intermezzo musicale di Evasio Muraro


© RIPRODUZIONE RISERVATA