ELEZIONI A LODI Grandi assenti e conferme nell’“esercito” dei candidati

ELEZIONI A LODI Grandi assenti e conferme nell’“esercito” dei candidati

Nella corsa al Broletto anche Alice Boriani, 18 anni, e gli 85enni Massironi e Ceresa

I grandi assenti, le riconferme dall’aula consiliare, i “trasfertisti” - chi, insomma, gioca fuori casa - , chi scende in campo dalla società civile. E ancora i giovanissimi - la più giovane è Alice Boriani, 18 enne studentessa del Gandini candidata nella lista del Partito democratico - e chi invece ha già superato le 85 primavere, come Renzo Massironi, candidato Lega, e Itala Ceresa, che gli 85 anni li compirà il primo giugno, ex dipendente comunale, nella squadra di Lodi Civica Milanesi. Nel piccolo compendio, assolutamente non esaustivo, sull’esercito di candidati pronti a mettersi alla prova con le urne 2022, qualche nota a margine si può tracciare. E qualche assenza di spicco balza subito all’occhio. Basti pensare, partendo dalla lista numero 1 della Lega, all’ex sindaco e capogruppo uscente Alberto Segalini, che si prenderà una pausa dall’aula del consiglio in cui siede dal 2005.

O ancora agli assessori Alberto Tarchini (uscente a deleghe di peso come la viabilità, l’ambiente e l’ecologia, che non è nella lista Il Broletto con Maggi), Claudia Rizzi, assessore a patrimonio, edilizia privata, manutenzioni, che non sta nell’elenco dei candidati Forza Italia, come Angelo Sichel, con delega al bilancio, storico militante Lega che non c’è nella lista del Carroccio, dove c’è invece il figlio Roberto, anche se l’assessore uscente ha già rinnovato la sua disponibilità a eventuali incarichi. Non sarà candidato neppure l’assessore Ettore Fanfani, individuato come figura tecnica e nominato a mandato inoltrato, ma comunque al fianco del sindaco alla presentazione della ricandididatura.

Si mettono in gioco con il voto Lorenzo Maggi, vicesindaco e guida de Il Broletto con Maggi, dove è candidata anche Giusy Molinari, assessore uscente all’istruzione, e Mariagrazia Sobacchi, assessore alle politiche sociali, nella lista Sara Casanova Sindaco, dove militano altri due volti noti della politica, come Gianmario Invernizzi, ex di Fdi, ed Elena Maiocchi, assessore della giunta provinciale targata Foroni. In casa Fratelli di Italia si registra l’assenza di tre consiglieri uscenti su cinque - ergo Elisa Gualteri, Maria Grazia Bazzardi, Giuliana Cominetti, che è stata candidata sindaco civica nel 2017 - , mentre sono in corsa Giulia Baggi e Maurizio Calderini. C’è chi ha cambiato emisfero politico - Claudia Ferri, da Forza Italia a Lodi Civica Milanesi, o Stefano Rotta, dalla Coalizione Maggi ad Azione nella lista Buongiorno Lodi - e c’è chi ha altri incarichi sovralocali, come il senatore Lega Luigi Augussori, già presidente del consiglio a Lodi, e l’assessore regionale a territorio e protezione civile Pietro Foroni.

Per Andrea Furegato, nella lista Lodi Comune Solidale, ci sono nomi noti del sociale, come Antonio Colombi, presidente Mlfm, Mariarosa Devecchi, presidente di Famiglia Nuova, e Giuseppe Castelvecchio della comunità Il Pellicano, come nella lista Sara Casanova Sindaco ci sono la pediatra Antonella Giancola ed Emilio Bajetta, medico oncologo, già destinatario del premio Barbarossa, o Aldo Belli, ex hockeista.

Nelle liste anche un curioso derby santangiolino, tra Giancarlo Boari, segretario Lega a Sant’Angelo e Valerio Esposti nella lista Pd, catapultati a Lodi. Non ci sarà Carlo Gendarini, che è stato candidato sindaco del centrosinistra nel 2017, tanti i consiglieri uscenti che hanno deciso di rimettersi in gioco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA