ECONOMIA Trend positivo dei mutui nel Lodigiano
Un cantiere edile

ECONOMIA Trend positivo dei mutui nel Lodigiano

Le banche raccontano la situazione attuale

Se Crif, azienda specializzata in sistemi di informazioni creditizie, racconta di un finale 2021 con il segno positivo per mutui e prestiti in Lombardia, anche le banche del territorio testimoniano un trend positivo indice di un’economia che sta ripartendo, consegnando più disponibilità economica ai cittadini e soprattutto più fiducia. La crescita delle richieste e delle erogazioni di mutui ha le sue cause, tra cui anche l’introduzione di garanzie statali sui mutui under 36, e ha le sue conseguenze, trascinando evidentemente il settore immobiliare e quello edile, favorito anche dai vari bonus edilizi.

La direzione Territoriale Bpl di Banco BPM racconta l’andamento portando dei dati decisamente significativi: «Anche dal punto di vista di Banco BPM si conferma il trend positivo individuato dalla ricerca Crif nell’ambito dei mutui erogati nella provincia di Lodi - spiega la direzione -. La banca, come numero di operazioni, ha registrato una crescita vicina al 39%, mentre l’incremento sul totale delle nuove erogazioni è stato di quasi il 62%».

Racconta una crescita anche Luca Barni, direttore generale della Bcc Centropadana: «Anche noi abbiamo visto una crescita dei finanziamenti - spiega -. Certo, un +1,7 non farà la differenza in termini assoluti, ma la fa in termini di trend positivo. Bisogna distinguere tra imprese e retail: ci sono imprese buone che hanno creato liquidità e la stanno usando, altre che hanno bisogno di liquidità e la chiedono, perché il lavoro non manca. Per quanto riguarda le famiglie, invece, c’è un miglioramento per la richiesta di mutui per la prima casa: evidentemente c’è più lavoro, c’è più fiducia. Il mercato vive di aspettative positive».

Pietro Zamproni, responsabile area crediti della Bcc Laudense, aggiunge: «Noi abbiamo un osservatorio limitato, essendo una piccola banca del territorio, ma possiamo confermare che dopo la prima ondata del Covid qualcosa aveva già iniziato a muoversi. Una crescita interessante, forse spinta dagli ecobonus. Per quanto riguarda il fondo prima casa di Consap, noi siamo stati la prima banca in Lombardia ad utilizzarlo, otto anni fa. Ora che è stata introdotta una nuova agevolazione agli under 36 con Isee sotto i 40mila euro, è un ulteriore incentivo positivo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA