Da laboratorio artigianale ad azienda d’eccellenza: la parabola di Sarandrea

Da laboratorio artigianale ad azienda d’eccellenza: la parabola di Sarandrea

Il pastificio di Peschiera è cresciuto negli anni puntando su innovazione e made in Italy: una storia di successo

Da piccolo laboratorio artigianale è diventata una azienda di eccellenza in campo alimentare con produzioni che vengono esportate in tanti Paesi europei come Svizzera, Francia, Germania, Olanda, Belgio. é una storia di successo quella di Sarandrea, pastificio di Peschiera Borromeo che ogni giorno sforna spaghetti alla chitarra, fettuccine, tagliolini, sfoglia per lasagna, gnocchi, cappelletti di carne e tortelli ricotta e spinaci. Ai prodotti della tradizione Luca Fontaneto (classe 1967), titolare dell’impresa, ha affiancato nuovi gusti, come i ravioli ripieni di ricotta di bufala e con sfoglia riempita da scaglie di tartufo nero oppure ripieni di patate e curry o ancora piselli e porri. E così facendo ha conquistato il mercato.

«L’80 per cento del fatturato proviene dalle esportazioni all’estero - spiega l’imprenditore -. È stata una scelta preventivata, fatta a tavolino, poiché il mercato dei paesi stranieri risulta più affidabile di quello italiano e apprezza maggiormente la bontà del prodotto».

«Nel 2015 ho rilevato il piccolo laboratorio di Peschiera Borromeo, che annoverava due dipendenti e che concentrava il suo business sull’area lodigiana e cremasca - continua -. Poi, grazie agli importanti investimenti per allargare le dimensioni dello stabilimento e comperare nuovi macchinari, il pastificio ha cominciato a crescere. Oggi - precisa, affiancato dal collaboratore Franco Marangon - fatturiamo 2 milioni di euro, abbiamo 18 dipendenti e le cose stanno andando abbastanza bene. Dobbiamo continuare così, lavorando sodo».

Nel prossimo futuro potrebbe anche esserci un’apertura verso Peschiera Borromeo. «Ho pensato - chiosa - di stringere una partnership con un negozio di zona, attraverso cui la cittadinanza possa acquistare pasta e ravioli». È un modo per avvicinarsi al territorio e creare sinergie, di sicuro appetitose


© RIPRODUZIONE RISERVATA