Il calo delle nascite mette in pericolo le scuole della Bassa
Villa Trecchi, sede dell’istituto comprensivo di Maleo

Il calo delle nascite mette in pericolo le scuole della Bassa

Le classi del comprensivo di Maleo sono per ora salve solo grazie a decisioni prese in deroga

Calo demografico nella bassa Lodigiana e scuole in bilico. Quest’anno l’istituto comprensivo di Maleo non perderà classi, diversamente da quanto accaduto in precedenza. In alcuni plessi però le classi si sono salvate soltanto sulla base di deroghe (prima della primaria di Santo Stefano 11 alunni, prima secondaria primo grado Castelnuovo 11 alunni, prima secondaria di primo grado Caselle Landi 13 alunni). In un recente incontro con i dirigenti scolastici ed i sindaci, sulla base delle disposizioni di legge, il direttore dell’Ufficio VII Lombardia-Personale della scuola Luca Volontè ha chiesto ai territori di avanzare proposte di razionalizzazione in vista dell’anno scolastico 2020/2021.

Luca Volontè

Luca Volontè

Luca Volontè

E nella Bassa, da diversi anni, una delle aree più in difficoltà è proprio quella che contempla i Comuni afferenti il comprensivo di Maleo (che ha sede presso la scuola media di Maleo a villa Trecchi), dunque: Castelnuovo, Caselle Landi, Santo Stefano Lodigiano, Corno Giovine, che sono sedi di plesso, e Meleti, Maccastorna, Cornovecchio. Da qui l’invito della dirigente scolastica del comprensivo malerino Lorenza Badini a tutti i sindaci affinché si definisca un tavolo di confronto per decidere insieme come gestire le varie strutture scolastiche dislocate nel territorio.

Pensare che in ogni paese possano continuare a coesistere tutti i gradi di scuola ora presenti, appare difficile. Lo dimostrano i fatti che si sono susseguiti negli ultimi anni: nel 2018, a Castelnuovo, la classe prima media non fu formata proprio come già accaduto nel 2012 per numero insufficiente di iscritti rispetto al minimo stabilito per legge; circa tre anni fa, la stessa mancanza di bambini e ragazzi portò alla riorganizzazione scolastica fra Corno Giovine e Santo Stefano, per cui a Corno Giovine, originariamente sede sia delle elementari che delle medie, rimase solo la scuola media, mentre Santo Stefano proseguì con la sua scuola elementare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA