Crescita demografica quasi nulla in provincia di Lodi e il virus non fa ben sperare
Tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2019 è stato registrato un incremento della popolazione dello 0,19 per cento

Crescita demografica quasi nulla in provincia di Lodi e il virus non fa ben sperare

L’unica eccezione è Lodi che assorbe gran parte dell’aumento nel territorio

Crescita lenta per la provincia di Lodi nel 2019 e le prospettive per l’anno in corso, complice la pandemia da Covid-19, non sono incoraggianti sotto il profilo demografico. I dati ufficiali sulla popolazione residente messi recentemente a disposizione dall’Istat rivelano come dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre dello stesso anno sia stato registrato nel Lodigiano un incremenro della popolazione pari allo 0,19%, di fatto 439 persone in più per un totale di 230.607 abitanti divisi in 98.237 famiglie. Un trend per altro aumentato leggermente rispetto al 2018 che si erano chiusi con un +0,18%. Dai 60 comuni, 32 perdono qualche unità di popolazione, uno resta stabile, gli altri registrano lievi aumenti. Unica eccezione Lodi che assorbe gran parte dell’incremento provinciale.

Il report dell’Istat conferma il peggioramento del saldo naturale, confermando l’andamento già caratteristico dei due anni precedenti: il numero dei nuovi nati (1.680) risulta sempre inferiore a quello delle persone decedute (2.165). Se quest’ultimo rimane piuttosto costante diminuisce sempre di più il numero di neonati: dal 2015 ad oggi il calo è stato circa di 300 parti.

Di contro il dato del saldo migratorio interno mostra che il Lodigiano rimane un territorio attrattivo e di elevata mobilità residenziale. Le anagrafi hanno registrato nell’anno 8.401 nuovi iscritti a fronte di 7.825 cancellazioni, un dato che rivela come la provincia abbia “attirato 576 persone in più rispetto a quante se ne siano andate per trovare casa in altri territori.

Per quanto riguarda i movimenti da e per l’estero, i numeri mostrano un trend in linea con il passato recente. I 60 comuni della provincia hanno visto 1.616 nuovi arrivi da oltre frontiera di cui 1.285 di cittadini di nazionalità straniera mentre 961 residenti hanno lasciato il territorio per un altro Paese. Di questi solo 390 erano stranieri. Questo significa che sono stati ben 571 i cittadini lodigiani che si sono trasferiti all’estero sono ben 571. A tornare sono stati invece “solo” 331. Il fenomeno non è nuovo: sia nel 2017 che nel 2018 il numero di italiani che hanno lasciato il Lodigiano è in continua crescita rispetto al numero di coloro che sono tornati (116 contro 353 nel 2017; 130 contro 381 nel 2018).


© RIPRODUZIONE RISERVATA