COVID Scattano i controlli sul super green pass: per i dubbi arrivano le Faq del governo
Controlli su un autobus pubblico lunedì mattina (LaPresse)

COVID Scattano i controlli sul super green pass: per i dubbi arrivano le Faq del governo

Una guida rapida della certificazione verde, base o rafforzata, per districarsi tra i vari livelli dei divieti

È scattato oggi lunedì 6 il super green pass, valido fino al 15 gennaio. Con l’introduzione della certificazione verde rafforzata solo per vaccinati e guariti, laddove il green pass base si può ottenere anche con un tampone molecolare negativo (valido 72 ore) o antigenico (48 ore di durata) , arrivano le Faq del Governo e i primi controlli delle forze dell’ordine. E, come ha annunciato il ministero della Salute, è stata rilasciata la versione 1.1.8 dell’app VerificaC19 che consente anche il controllo della validità della certificazione verde rafforzata.

Il super green pass servirà per fare alcune attività come andare al cinema, al teatro, in discoteca, ma anche per partecipare a spettacoli, eventi sportivi, feste e cerimonie pubbliche. In zona arancione, entrando nel dettaglio, niente consumazione al banco o al tavolo anche all’aperto in bar e ristoranti (esclusi quelli nelle strutture ricettive) per chi non avrà la versione rafforzata del certificato verde.

Ancora, per accedere ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi) non servirà il green pass in zona bianca e gialla. Ma, in caso di passaggio in zona arancione, nei giorni di festa e prefestivi, si dovrà avere la versione rafforzata della certificazione verde.

Le Faq del Governo specificano anche che gli studenti non potranno accedere alle università senza il green pass, anche base, in zona bianca, gialla e arancione, mentre coloro che frequentano le scuole superiori e gli istituti tecnici avranno la possibilità di entrare in classe anche se non ce l’hanno. E non solo. Il certificato verde base non è richiesto per i taxi, ma servirà per salire su bus, metro, aerei, treni e navi. A proposito degli impianti sciistici, il green pass servirà in zona bianca, gialla e arancione per entrare in funivie, seggiovie e cabinovie coperte, mentre in bianca e in gialla chi non ce l’ha potrà salire su skilifit e seggiovie aperte, che in arancione possono essere usati solo da chi ha il certificato rafforzato. Per quanto riguarda il trasporto scolastico, inoltre, nonostante i dubbi della vigilia, sugli scuolabus dedicati esclusivamente ai minori di 12 anni si potrà andare anche senza green pass.

I clienti degli alberghi e delle altre strutture ricettive dovranno avere il green pass. Serve almeno la versione base in zona bianca, gialla e arancione. Per quanto riguarda i centri termali, i parchi divertimento, i centri culturali, centri sociali e ricreativi, infine, in zona arancione si potrà accedere solo con il green pass rafforzato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA