Covid, l’appello dei sindaci: «Limitare i disagi per gli over 80»
Oggi incomincia la fase vaccinale dedicata a chi ha più di ottant’anni

Covid, l’appello dei sindaci: «Limitare i disagi per gli over 80»

I primi cittadini temono che gli anziani debbano sobbarcarsi trasferte troppo faticose e disagevoli

Scatta la campagna vaccinale per gli over 80 e i sindaci del Sumilano lanciano un preoccupato appello ai vertici sanitari: «Gli anziani devono essere vaccinati nel centro più vicino ai Comuni di residenza, solo così saranno limitati al minimo i disagi per gli anziani del territorio». Per quanto riguarda il territorio nel quale è ricompresa l’Asst Melegnano Martesana, si terrà nelle sedi di Trezzo e Binasco, all’ospedale di Melzo e nel centro culturale di Vizzolo, sebbene in questo caso non sia ancora stato definito il calendario. «È fondamentale - spiega il sindaco di Cerro Marco Sassi - organizzare nel miglior modo possibile la campagna anti-Covid, che in questa fase riguarda una fascia molto delicata della popolazione». In base ai numeri emersi in questi giorni, su un totale di 650mila residenti, sono nell’ordine dei 47mila gli over 80 presenti nel territorio di competenza dell’Asst Melegnano Martesana. Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento del primo cittadino di Carpiano Paolo Branca. «Situato a poca distanza dall’ospedale Predabissi, quella del centro culturale di Vizzolo sarebbe la soluzione ideale, purché la campagna anti-Covid parta in tempi rapidi e tutti gli over 80 del territorio siano effettivamente inviati al centro vaccinale del Sudmilano».


© RIPRODUZIONE RISERVATA