COVID Il palazzetto di Codogno fino a giugno resterà un hub per i vaccini
Nella foto di repertorio una giornata nell’hub vaccinale di Codogno

COVID Il palazzetto di Codogno fino a giugno resterà un hub per i vaccini

Accordo fra Comune e Asst per prorogare la convenzione per l’utilizzo della struttura

Vaccinazioni fino a giugno al palazzetto dello sport di viale Resistenza. È di venerdì l’accordo tra il Comune di Codogno e l’Asst di Lodi per prorogare la convenzione per l’utilizzo della struttura fino all’1 giugno, quando sarà valutata la necessità o meno di proseguire la campagna vaccinale al palazzetto. «Ho già avvisato le società sportive - spiega il sindaco Francesco Passerini -. Il palazzetto si è rivelato funzionale alle vaccinazioni per la disponibilità di spazio, comprese le tribune, dove far accomodare le persone che devono fare la somministrazione e i car giver». Oggetto di un intervento di riqualificazione di oltre un milione di euro, il palasport risponde ai più alti standard di risparmio energetico e attrezzatura moderna, tanto da aver impressionato positivamente i delegati dell’associazione no profit Aces Europe, con sede a Bruxelles, che nei mesi scorsi hanno fatto tappa in città per valutare la candidatura di Codogno a Comune Europeo dello Sport 2023. Titolo poi riconosciuto.

Non è un caso, del resto, che abbia convinto subito anche i tecnici dell’Asst di Lodi quando un anno fa si erano trovati a cercare uno spazio idoneo a ospitare l’hub vaccinazioni del Basso Lodigiano, e appena visionato il palazzetto non hanno avuto dubbi su dove impiantarlo. Ridisegnando anche l’uscita, distinta dall’ingresso, i lavori di riqualificazione conclusi poco prima dell’apertura dell’hub, senza saperlo hanno reso il palasport perfettamente congeniale alla gestione dei flussi di chi entra e chi esce prima e dopo la vaccinazione, confermando appunto la congenialità del palasport alla campagna di vaccinazione di massa. Con buona pace per gli atleti e gli studenti dell’istituto Ambrosoli che attendevano da tempo di tornare ad allenarsi, a disputare le partite e a fare ginnastica in viale Resistenza, e dovranno attendere almeno fino a giugno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA