CORONAVIRUS Don Carlo Patti muore al S. Raffaele

CORONAVIRUS Don Carlo Patti muore al S. Raffaele

Il parroco di Borghetto e Casoni aveva 66 anni ed era originario di Boffalora

È spirato all’ospedale San Raffaele, don Carlo Patti, 66 anni, parroco di Borghetto e Casoni dove era appena arrivato, nell’ottobre 2019. Ricoverato da 15 giorni, la diagnosi è stata quella di polmonite da coronavirus, come testimonia la famiglia che in queste ore sta organizzando il trasporto della salma fino a Boffalora, dove il sacerdote sarà tumulato.

Don Carlo Patti era nato proprio a Boffalora il 13 aprile 1953 ed era prete dal 18 giugno 1988. In diocesi dal 2005 era anche coordinatore dei Gruppi di preghiera di Padre Pio. Era stato parroco di Salerano e Casaletto Lodigiano dal 2012 al 2019 e di Santa Maria in Prato dal 2016 al 2019. Rettore del Collegio vescovile dal 2006 al 2012, don Carlo aveva una lunga esperienza in ambito scolastico e pastorale: assistente ecclesiastico A.Ge.S.C. dal 2006 al 2013, era stato preside del liceo Scientifico San Carlo dal 2002 al 2012, direttore della scuola elementare “Collegio Scaglioni” dal 2002 al 2012, presidente della Fondazione Scuole diocesane dal 2001 al 2012. Prima ancora, consulente ecclesiastico U.C.I.I.M. dal 1994 al 1996 e preside e docente della scuola media diocesana “P.Andreoli” dal 1988 al 2012.

Lo ricordano anche le Figlie dell’Oratorio in quanto loro cappellano dal 2005 al 2012, oltre che nelle parrocchie di Mairano e Gugnano dove è stato collaboratore dal 2002 al 2012 e all’Addolorata in Lodi dove è stato amministratore parrocchiale nel 1996 – 1997 e poi ha collaborato dal 1988 al 2002.

È stato inoltre superiore della “Casa del S.Cuore” in Lodi dal 2005 al 2010.


© RIPRODUZIONE RISERVATA