CORNEGLIANO Cani e gatti alla scrivania assieme ai loro proprietari
La piccola Jack Russel in Comune

CORNEGLIANO Cani e gatti alla scrivania assieme ai loro proprietari

L’opportunità offerta ai dipendenti del Comune. Una femmina di Jack Russel è stata la prima “ospite”

Il primo a entrare è stato un esemplare femmina di Jack Russel. Indossa una pettorina nera e se ne sta buona, quasi in posa per la foto, ai piedi della scrivania dove lavora la proprietaria, agente di polizia locale. Uffici del Comune di Cornegliano Laudense aperti a cani e gatti di piccola e media taglia dei dipendenti.

Una misura voluta dalla giunta guidata dal sindaco Claudio Moneta, per migliorare il benessere lavorativo in ufficio, ma anche per agevolare la conciliazione vita e lavoro, testimoniando attenzione anche agli animali da affezione.

Approvato mercoledì in giunta il regolamento che dà la possibilità agli otto dipendenti del Comune di andare in ufficio in compagnia degli animali domestici, giovedì il primo esemplare ha fatto capolino nel municipio di via Lodi. Il regolamento fissa alcuni paletti precisi, perché il proprietario in primis è chiamato a rendersi conto se la giornata lavorativa per l’amico a quattro zampe è accettabile oppure no. Sono benvenuti in Comune i cani fino a 25 chili di peso e i gatti qualora sia possibile condurli al guinzaglio; l’animale deve essere iscritto all’anagrafe regionale degli animali da affezione, dotato di libretto sanitario e sottoposto a regolari controlli, pulito e spazzolato, mentre il proprietario deve aver stipulato una polizza assicurativa e concordare con il responsabile del luogo di lavoro l’accesso.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 29 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA