COMAZZO In auto senza patente va a fare scorta di droga
I militari all’opera a Comazzo )archivio)

COMAZZO In auto senza patente
va a fare scorta di droga

Il 30enne di origine indiana fermato dai carabinieri dopo un controllo

Gli occhi dei carabinieri puntati sulla campagna di Comazzo. Dopo gli arresti e i sequestri di droga avvenuti nei mesi scorsi, nella giornata di ieri i carabinieri di Zelo Buon Persico hanno “pizzicato” un acquirente di 30 anni di origine indiana, che senza patente si è recato da Zelo ai campi della zona, per fare “scorta” di eroina.

Denunciato, all’uomo è stata sequestrata l’auto ed è stato segnalato alla prefettura di Lodi per il consumo abituale di sostanza stupefacente. I militari lo hanno fermato intorno alle 11 al volante di un’utilitaria Fiat, imponendogli l’alt sulla provinciale che collega Merlino a Comazzo.

È emerso subito che la sua vettura era sprovvista di copertura assicurativa e che il 30enne era senza patente di guida.

Inoltre, durante la perquisizione personale e del veicolo, il conducente è stato sorpreso con alcuni grammi di eroina, acquistata pochi minuti prima nei campi di Comazzo.

A quel punto l’auto è stata sequestrata e il giovane indiano denunciato per guida senza patente. Contestualmente è partita la segnalazione alla prefettura di Lodi per l’uso abituale di sostanze stupefacenti. Dall’inizio del mese di maggio a oggi, proprio grazie ai monitoraggi a rotazione svolti dai carabinieri della compagnia di Lodi e, in particolare dalla stazione di Zelo Buon Persico, il fenomeno dello spaccio ha subito una battuta d’arresto. «Attualmente - dichiara il sindaco Italo Vicardi – abbiamo una situazione ampiamente sotto controllo. L’intervento della questura e dei carabinieri con appostamenti, si sono rivelate come azioni incisive che hanno quasi azzerato lo spaccio. Come amministrazione comunale, diamo massimo supporto alla sicurezza con i nostri cittadini che girano sul territorio e anche la tecnologia, grazie alle telecamere e al sistema di riconoscimento delle targhe ai varchi elettronici all’ingresso e all’uscita di Comazzo, Lavagna e Rossate».


© RIPRODUZIONE RISERVATA