CODOGNO Scorribanda notturna dei ladri fra ospedale, scuole e negozi
Nel mirino dei ladri anche l’ospedale di Codogno

CODOGNO Scorribanda notturna dei ladri fra ospedale, scuole e negozi

Il primo tentativo è andato in scena al Cup del nosocomio, messo a soqquadro

Ladri scatenati martedì notte a Codogno dove nel giro di poche ore sono stati violati il Cup di viale Marconi, l’istituto Ambrosoli, il supermercato Conad in viale dei Mulini e il mega store di ricambi e accessori “Autotutto” di fianco all’U2. Il primo allarme è scattato all’ospedale verso mezzanotte, quando dalla guardiania è stata “registrata” la presenza di alcuni soggetti all’interno del Cup dall’altra parte, sulla circonvallazione, e il custode ha allertato immediatamente il 112. Sul posto sono subito accorsi i carabinieri, e i ladri, che erano già riusciti a entrare negli uffici buttando all’aria armadi e cassetti, sono stati costretti a fuggire. Negli stessi istanti però è stato attivato un secondo alert, questa volta dal Conad di fianco alla sede Asm, dove i malviventi una volta introdottisi nel supermercato hanno aperto i registratori di cassa evidentemente alla ricerca di denaro, restando però a bocca asciutta. I cassetti erano vuoti e gli intrusi se ne sono andati senza stringere nulla fra le mani. La stessa scena si è ripetuta all’istituto Ambrosoli, altro bersaglio non si sa se calcolato o scelto a caso dalla banda, che vagando da un punto all’altro della città ha fatto tappa anche a scuola scassinando una finestra al pianterreno e muovendosi tra le aule e gli uffici, anche in questo caso senza rubare niente. A impedirlo è stato l’antifurto che ha costretto gli intrusi a mollare il colpo e volatilizzarsi appena in tempo per non essere braccati dai carabinieri e i vigilantes privati che sono subito arrivati sul posto.

La sfortuna li ha però inseguiti anche al centro “Tuttoauto” dove si è ripetuto lo stesso copione: messi a soqquadro gli uffici, al sopraggiungere dei carabinieri gli intrusi si sono visti in trappola e hanno dovuto andarsene a mani vuote. Le scorribande, legate da nessun altro filo se non la dislocazione dei bersagli lungo l’anello della circonvallazione di Codogno, si sono concluse al Conad di via Salvo d’Acquisto a Casale, teatro di un furto di banconote. La banda ha saccheggiato le casse all’ingresso, riuscendo in quello che non le era riuscito a Codogno e racimolando qualche centinaio di euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA