CODOGNO Rissa al parco, 12enne colpito con uno spinner
Pattuglia dei carabinieri a Codogno (archivio)

CODOGNO Rissa al parco, 12enne colpito con uno spinner

Violenza tra giovanissimi sabato pomeriggio, il ragazzino è stato ferito al volto ed è finito all’ospedale

Laura Gozzini

Dodicenne ferito da un coetaneo con uno spinner munito di lame. Il ragazzo è stato soccorso dal medico del 118 e da un equipaggio della Croce Casalese sabato pomeriggio al parco di via Ungaretti a Codogno dov’è avvenuta l’aggressione. A scatenare la violenza sarebbe stato il semplice incrociarsi per caso tra un gruppetto di undici-dodicenni e altri due ragazzini pressappoco della stessa età, all’ingresso dell’area verde nella zona residenziale a fianco della provinciale 108 per Cavacurta. I minorenni erano in bici, tutti tranne il 12enne preso di mira. Cosa sia successo esattamente è al vaglio di carabinieri e polizia locale, ma stando a una prima ricostruzione dei fatti sembrerebbe che tra i ragazzi ci sia stato uno scambio di battute, poi uno ha domandato al 12enne cosa avesse da guardarlo e ha cercato di travolgerlo con la bici, passando poi alle mani. Prima gli ha sferrato un pugno all’addome, poi ha estratto la trottola “modificata” e l’ha usata per colpire il ragazzo al volto sfregiandolo tra la tempia e il sopracciglio. I presenti hanno allertato immediatamente i soccorsi, mentre l’aggressore e l’amico si davano alla fuga, e all’arrivo dei carabinieri sul posto c’erano solo gli amici del 12enne, che hanno raccontato ai militari la loro versione dei fatti. Il ferito è stato trasportato in codice verde al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Lodi e così un amico 11enne che si è sentito male, pare per lo spavento.

Le indagini sono in corso. I due gruppi di minorenni sembra non si conoscessero, per cui dietro l’episodio di violenza non vi sarebbero contrasti precedenti. Sabato pomeriggio al parco di via Ungaretti sono accorsi anche i genitori dei ragazzini coinvolti, che informati dell’accaduto si sono precipitati sul posto. Raccolte le testimonianze dei presenti, i carabinieri sono al lavoro per rintracciare il teppista che si è servito dello spinner per ferire il dodicenne. Di per sé è un “giocattolo”, una sorta di piccola trottola che si fa girare tra le mani, ma in questo caso era munito di lame e quindi volutamente modificato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA