CODOGNO Riapre lo sportello contro la violenza sulle donne
L’inaugurazione di Codogno

CODOGNO Riapre lo sportello contro la violenza sulle donne

In ospedale ricomincia l’attività dopo lo stop causato dalla pandemia

La rete territoriale è fondamentale per contrastare la violenza sulle donne e quella del Lodigiano, da oggi, si arricchisce di un nuovo componente. È stato inaugurato proprio nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, presso l’Area rosa dell’ospedale di Codogno, lo sportello antiviolenza, che riapre dopo la chiusura avvenuta a causa della pandemia.

«Celebriamo una causa giustissima, che deve vedere tutti consapevoli e impegnati – ha detto il direttore generale dell’Asst di Lodi Salvatore Gioia – L’amore non può essere violenza».

«Dal Basso Lodigiano abbiamo raccolto 38 prese in carico nell’ultimo anno (al 30 settembre), perciò è importante avere uno sportello anche a Codogno», ha spiegato Francesca Astori, vicepresidente dell’associazione L’Orsa Minore, che gestice il centro antiviolenza di Lodi La Metà di Niente. Ha ricordato anche l’impegno del comune durante la pandemia: «Ci ha chiamato nel periodo del lockdown offrendo uno spazio in cui accogliere le donne». Impegno confermato dal sindaco Francesco Passerini, che ha sottolineato: «il 25 novembre deve essere tutto l’anno».


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 26 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA