Codogno, parco fotovoltaico: c’è il primo via libera

Codogno, parco fotovoltaico: c’è il primo via libera

L’iniziativa in un terreno sulla via Emilia, al confine con Casale

Arriva il primo via libera per il grande parco fotovoltaico a terra alle porte di Codogno, lungo la via Emilia. L’iter burocratico - di competenza provinciale - sarà più semplice: il procedimento amministrativo per capire se sottoporre il progetto alla valutazione ambientale strategica si è concluso con un’esclusione.

In fase di procedimento per l’esclusione dalla valutazione d’impatto ambientale (procedura di tipo ambientale molto complessa e lunga) sono stati chiesti pareri ai comuni e agli enti interessati, tra cui il comune di Codogno, quello di Casale, quello di Fombio, quello di Somaglia e quello di Brembio.
A proporre l’operazione è l’azienda Juwi Development 01 Srl di Verona, che vuole creare un parco fotovoltaico su 15 ettari di terreno oggi coltivati a mais alle porte di Codogno, all’inizio della tangenziale, di fronte al Mondial sulla via Emilia. Pur essendo in territorio di Codogno, l’impatto maggiore sarà su Casale, che è proprio confinante.

L’istruttoria, partita tre mesi fa, si è conclusa con l’esclusione dalla procedura ambientale più complessa, rinviando il progetto all’iter autorizzativo normale, recependo i pareri negativi dei due enti locali, che al momento però non costituiscono un motivo di stop.


© RIPRODUZIONE RISERVATA