I NUMERI Codogno e Lodi frenano ancora

I NUMERI Codogno e Lodi frenano ancora

Il punto della situazione: nuovi malati a Melegnano e S. Angelo, nell’ex zona rossa contagio fermo

I nuovi positivi crescono a livelli regolari, ma diminuiscono i pazienti in terapia intensiva e il numero dei decessi segna una leggera flessione rispetto ai ritmi degli ultimi 15 giorni. Sono «dati confortanti» quelli in arrivo da Regione Lombardia e dall’Italia nella lotta al Covid-19, ma da tutte le parti arrivano inviti a non abbassare la guardia proprio ora. Troppe le persone in giro, con un picco di sanzioni nel week end: in Lombardia è diventata obbligatoria la mascherina per uscire di casa.

I dati nazionali e regionali

A livello nazionale i positivi attuali comunicati ieri sera dalla Protezione Civile sono 91.246 (+2.972) con 15.887 deceduti (+525) e 21.815 guariti (+819). Secondo il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro la curva epidemiologica ha raggiunto il picco e ora si mantiene costante. In Lombardia i positivi sono 50.455 (+1337) con un numero ancora in crescita di tamponi eseguiti. I ricoverati sono 12.009 (+7) e quelli in terapia intensiva 1317 (-9). «Il basso numero di ricoverati e il numero negativo di quelli in terapia intensiva, -55 sabato, -7 domenica, sono elementi molto confortanti, soprattutto per la minor pressione sugli ospedali, ma non bisogna abbassare la guardia», il commento dell’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera. I deceduti sono 8.905 (+249). I dimessi sono 28.224 (+184). Da ieri in Regione Lombardia è obbligatoria la mascherina per chi esce di casa. «Abbiamo iniziato a consegnare oltre 3 milioni di mascherine a tutti i capoluoghi di provincia per farli arrivare in distribuzione gratuita alla gente tramite gli esercizi commerciali aperti e la rete della Protezione Civile», ha spiegato l’assessore regionale alla Protezione Civile Pietro Foroni. A Lodi e provincia sono destinate 95mila mascherine. A livello territoriale Bergamo ha 9.712 positivi, Brescia 9.340, Cremona 4.233. La provincia di Milano preoccupa nella crescita ancora sostenuta e arriva a 11.230 positivi (+411, sabato +428), quella di Lodi a 2.255 (+17, sabato +24).

La zona rossa

Nei 10 comuni della ex zona rossa il contagio si può considerare fermo. La trasmissione del covid-19 infatti ha ormai livelli molto bassi e gestibili. Lo certificano i dati del fine settimana, ma anche quelli delle ultime due settimane in cui la crescita è stata sempre minima, contenuta tra i 3 e i 7 nuovi casi al giorno, con alcuni comuni che da tempo non registrano nuovi positivi. Secondo i dati comunicati ieri sera, i positivi a Codogno sono 291 (+1 in due giorni), a Castiglione 184, a Casale 181 (-1), a Maleo 50, a Castelgerundo 34 (+1), a Fombio 31, a Somaglia 29, a San Fiorano 26, a Terranova de Passerini 9. Bertonico non rientra nell’elenco perché con meno di 4 casi ufficiali registrati.

La Provincia di Lodi

In due giorni la Provincia di Lodi mostra una crescita molto contenuta, al punto che l’assessore regionale Giulio Gallera ha ribadito che «lì la malattia è sotto controllo». I nuovi positivi registrati ufficialmente sono pochissimi, con Lodi città che da qualche giorno sembra aver arrestato il suo ritmo di crescita. Cresce parecchio invece Sant’Angelo. Lodi ha 437 positivi (+11 in due giorni), Sant’Angelo 72 (+9), Borghetto 72 (+2), San Rocco 46, Lodi Vecchio 46, San Martino 44 (+3), Mulazzano 35 (+3), Castelnuovo 35, Tavazzano 35, Sordio 33, Zelo Buon Persico 28 (+1), Santo Stefano 26, Massalengo 25, Guardamiglio 24, Livraga 23, Turano 23, Caselle Landi 23 (+1), Brembio 22 (+1), Corno Giovine 22 (+1), Caselle Lurani 21, Casalmaiocco 20 (+2), Cervignano 20 (+1), Cornegliano 20 (+1), Meleti 18, Ospedaletto 18, Montanaso 17, Secugnago 15, Salerano sul Lambro 14 (+1), Cavenago 13, Orio 12, Senna 12 (+1), Borgo 12, Corte Palasio 12, Galgagnano 11, Crespiatica 11, Pieve 11, Graffignana 11 (+1), Boffalora 10, Villanova 9, Castiraga Vidardo 9 (+1), Ossago 8, Valera 8, Casaletto Lodigiano 7, Comazzo 7, Marudo 6, Mairago 4, Merlino 4. Nei comuni non elencati si registrano meno di 4 casi.

Il Sud Milano

La crescita del Sud Milano è ancora più sostenuta del Lodigiano, con 48 nuovi positivi nel week end e un aumento preoccupante su Melegnano, che negli ultimi giorni ha visto numerosi casi (26 in tre giorni). In totale i casi positivi nell’area sono 874. Ecco i comuni: San Giuliano 154 (+10), San Donato 103 (+3), Melegnano 103 (+12), Mediglia 97 (+2), Peschiera Borromeo 73 (+1), San Colombano 73 (+6), Paullo 69 (+7), Vizzolo Predabissi 41 (+2), Pantigliate 37 (+1), Locate Triulzi 37 (+1), San Zenone 24 (+1), Dresano 18, Tribiano 17, Cerro al Lambro 15 (+1), Carpiano 8 (+1), Colturano 5.


© RIPRODUZIONE RISERVATA