Codogno-Castiglione, l’appello della Fiab: «Serve una pista ciclabile»

Codogno-Castiglione, l’appello della Fiab: «Serve una pista ciclabile»

Iniziati questa mattina i lavori di manutenzione della Sp591, il consigliere provinciale Sansotera ai ciclisti: «C’è la strada della Mulazzana»

Le associazioni Fiab di Casalpusterlengo e Lodi in data 11 gennaio 2021 hanno protocollato una richiesta di informazioni sui lavori di manutenzione straordinaria che riguarderanno la strada provinciale Sp591, iniziati proprio stamattina (lunedì 22 febbraio) nella Bassa: la Federazione Italiana ambiente e bicicletta chiede che nel progetto di allargamento della sede stradale della 591, la provinciale che collega Codogno a Castiglione, venga inclusa la realizzazione di una pista ciclabile che a oggi non risulta compresa.

Fiab sottolinea che Codogno e Castiglione non sono dotate di percorsi sicuri ciclabili di collegamento. E il fatto che dopo questo primo tratto di allargamento della 591 si ipotizzi una secondo step fino a Bertonico rende l’ideazione di una ciclabile ancora più necessaria.

«Nel tratto oggetto di cantiere non è prevista la pista ciclabile - la replica del consigliere provinciale Enrico Sansotera -, ma un collegamento ciclabile già esiste, passando dalla Mulazzana e rispetto a un eventuale collegamento diretto Codogno-Castiglione prevede un allungamento pari solo a circa 1 km, il tutto lungo un percorso utilizzato sostanzialmente per fare un giro in bicicletta, non per andare a lavorare; quanto al secondo tratto di Sp591, da Terranova a Castiglione-Bertonico, è intenzione prevedere una pista ciclabile, scelta che dipenderà anche dalle risorse a disposizione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA