CERVIGNANO Sette furti a scuola, appello al prefetto: «Più sicurezza nel nostro paese» VIDEO
La visita del prefetto alla scuola di Cervignano (Ribolini)

CERVIGNANO Sette furti a scuola, appello al prefetto: «Più sicurezza nel nostro paese» VIDEO

La richiesta del sindaco giovedì durante la visita ufficiale al Comune

L’appello del sindaco di Cervignano al prefetto Giuseppe Montella: «La prefettura ci sostenga, garantendo maggior sicurezza a scuola». In occasione della visita del prefetto, infatti, ieri mattina la prima tappa ha toccato proprio la scuola primaria Giorgio e Franco Marmont, teatro di sette furti in soli pochi mesi. Una situazione che ha messo a dura prova tutti: dall’amministrazione comunale, che ha investito installando l’allarme, potenziando la videosorveglianza e l’illuminazione esterna, al preside Emilio Antonio Vergani e alle stesse docenti che si sono viste privare di strumenti indispensabili alla didattica.

«La ricchezza del nostro paese sono i bambini - dichiara il sindaco Maria Pia Mazzucco -. Non abbiamo grandi industrie, siamo una piccola realtà e loro rappresentano il futuro del nostro paese: per cui cerchiamo di garantire loro tutto il possibile». Ma anche l’acquisto dei sei ultimi dispositivi, per dare il via alle lezioni nel migliore dei modi, si è rivelato un buco nell’acqua: i ladri sono passati prima che suonasse la campanella del primo giorno di scuola.

A tal proposito, il prefetto Montella ha espresso la sua preoccupazione ma, soprattutto, possibili soluzioni immediate per far fronte alla grave problematica: «Puntare su più misure da mettere in atto in sinergia - dichiara Montella -: ad esempio sensibilizzando la cittadinanza sulla problematica attraverso la pratica del controllo del vicinato: un deterrente che possa segnalare movimenti sospetti nei pressi della scuola; poi, una vigilanza più frequente da parte delle forze dell’ordine, con la possibilità di discutere misure da mettere a punto con i carabinieri».


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 17 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA