Cervignano, l’autopsia al piccolo Francesco

Cervignano, l’autopsia al piccolo Francesco

Il bimbo, che avrebbe compiuto 13 anni a febbraio è morto per un problema intestinale

Eseguita ieri l’autopsia sul corpo del 12enne di Cervignano Francesco Rogelio Palomino Conga. Ad eseguire l’esame autoptico, all’istituto di Pavia, è stato il medico legale Paolo Moretti. La commissione di verifica dell’Ats voluta dalla Regione ha incominciato a chiedere i documenti all’Asst di Vizzolo dove è scomparso il ragazzo, lo scorso 30 dicembre, e così la procura che ha aperto un fascicolo contro ignoti. Anche l’audit interno voluto dalla direzione dell’Asst di Melegnano sta proseguendo ed è in dirittura d’arrivo. Sono stati contati e valutati, nel dettaglio, dai vertici e dai medici, tutti i passi fatti dagli operatori durante il ricovero del ragazzino.

«Le procedure sono state conformi, dal punto di vista tecnico - commenta il direttore generale dell’Asst Angelo Cordone, che da subito ha fatto arrivare il suo messaggio di cordoglio alla famiglia e si è rivolto in procura, a Lodi, al sostituto procuratore Antonella Dipinto, per la segnalazione del decesso improvviso del ragazzo -. Tutto risulta essere stato eseguito bene. Francesco è stato preso in carico subito, gli esami sono stati fatti, non c’è nulla, dal punto di vista organizzativo, che non sia stato fatto; adesso vediamo cosa dirà l’autopsia».

Il ragazzo era arrivato in ospedale intorno alle 5 della mattina di sabato 28 dicembre, a causa di forti dolori all’addome. Il ragazzo è stato sottoposto alla Tac: aveva un volvolo intestinale, cioè un annodamento dell’intestino che ha condotto l’organo in necrosi e in ischemia. Francesco, che sembrava essersi ripreso dopo la somministrazione dei primi farmaci, è stato operato d’urgenza. I chirurghi gli hanno tagliato circa 38 centimetri di intestino, la parte che era andata incontro all’ischemia. Ma per lui non c’è stato nulla da fare.

La sua scomparsa ha gettato nel lutto un intero paese, ma anche i suoi compagni e insegnanti dell’istituto comprensivo di Mulazzano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA