Centropadana, stop da Bankitalia

Centropadana, stop da Bankitalia

Il cda uscente non si potrà ricandidare: «Previsto un rinnovamento rispetto al passato»

La notizia ha iniziato a circolare nella tarda serata di giovedì e ieri è diventata ufficiale, scuotendo il mondo economico lodigiano. Banca d’Italia sceglie la strada del rinnovamento integrale e per questo ha sancito l’incandidabilità dei consiglieri di amministrazione uscenti di Bcc Centropadana che hanno rivestito questa carica nei due ultimi mandati, a partire dal presidente Serafino Bassanetti e dai due vice Maura Bergamaschi e Guerrino Saviotti. Significa che non potranno presentarsi per guidare ancora la banca - la più grande banca di credito cooperativo del Lodigiano, una tra le più importanti nel panorama nazionale, presente in sei province - all’assemblea dei soci fissata per domenica 26 maggio al Crowne Plaza Hotel di San Donato Milanese.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola sabato 20 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA