CASTIGLIONE Due truffe a segno in un’ora: in azione ancora i falsi tecnici
Donna che maneggia contanti (Foto by Archivio)

CASTIGLIONE Due truffe a segno in un’ora: in azione ancora i falsi tecnici

A Castiglione e Bertonico ancora anziani nel mirino: in un caso è stato usato lo spray

Doppia truffa nella Bassa: a Castiglione e Bertonico i malviventi sono entrati in azione

Due truffe nel giro di un’ora ieri nella Bassa. E ad andare a segno i raggiri di finti tecnici delle reti gas e idrica incaricati di effettuare dei controlli. Il fine è sempre il medesimo, derubare anziani conquistando la loro fiducia. Il primo colpo a Castiglione, in via Papa Giovanni XXIII, poco dopo le 10.30. Coinvolto un anziano che, ricevuta la visita di due giovani ben vestiti, ha acconsentito alla richiesta di aprire il cancello d’ingresso per il controllo delle tubazioni. Solo una scusa però come sempre per poter rubare il più possibile. Sembra che l’uomo sia stato intontito dai truffatori tramite l’utilizzo di uno spray che ha dato campo libero ai malviventi di poter aver accesso libero adori e contanti. Effettuato il colpo, la fuga prima dell’arrivo dei carabinieri.

Un’ora dopo una seconda chiamata, da Bertonico, in via Aldo Moro. Non è certo che siano stati sempre gli stessi truffatori a entrare in azione. Sicuro invece il raggiro andato in porto. I due tecnici fasulli dell’acqua hanno spiegato ai coniugi residenti che, per la sicurezza dei loro averi, avrebbero dovuto raccogliere in un sacchetto i contanti del portafoglio, ori e cellulare per poi metterli in frigorifero. Per non essere notati al momento del furto, i due truffatori si sono divisi. Il primo ha finto di rimanere all’esterno dell’abitazione, mentre il secondo si è portato sul retro insieme ai coniugi, lasciando campo libero e la possibilità di poter entrare in casa al complice che ha arraffato quanto c’era nel sacchetto, in via di quantificazione, per poi darsi alla fuga allertando l’altro truffatore che ha liquidato i due anziani ringraziandoli e fuggendo senza lasciare traccia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA