CASALE Il tempo dell’attesa è terminato: Anas presenta la tangenziale
Casale, l’area di cantiere della tangenziale (Foto by Luigi Tommasini)

CASALE Il tempo dell’attesa è terminato: Anas presenta la tangenziale

Mercoledì 22 settembre saranno svelati i dettagli dei lavori

Anas avvia ufficialmente il maxi cantiere della tangenziale di Casale. E lo fa con un evento ufficiale fissato mercoledì 22 settembre, alle 10.30, nel teatro comunale “Carlo Rossi” di Casale, dal tema chiaro e inequivocabile dopo 40 anni di attesa: “Avvio lavori strada statale 9 via Emilia - Variante di Casalpusterlengo”. E che si tratti di una partenza concreta lo dimostrano i mezzi in movimento da fine agosto nei terreni oggetto di cantiere del primo stralcio funzionale.

I dettagli sulle modalità e sui tempi dell’opera che libererà il tratto urbano della via Emilia dal traffico saranno illustrati nel corso dello stesso incontro al quale sono attese diverse autorità sia locali che sovracomunali. Di certo non mancherà il sindaco di Casale Elia Delmiglio che, come i sindaci che lo hanno preceduto, ha partecipato al lungo iter che ha portato all’avvio dei lavori: non un punto di arrivo, ma un nuovo punto di inizio, considerando che il cantiere ha una durata stimata di circa 3 anni. Salvo imprevisti, sono attesi dunque il responsabile della struttura territoriale Anas Lombardia Nicola Prisco, il direttore progettazione e realizzazione lavori Anas Eutimio Mucilli, l’assessore regionale al Territorio Pietro Foroni, l’assessore regionale alle Infrastrutture Claudia Maria Terzi e Alessandro Morelli, viceministro delle Infrastrutture, oltre ad altre autorità.

La tangenziale di Casale è un’opera da circa 106 milioni, appaltata un anno e mezzo fa alla ditta barese Aleandri. Corre a sud ovest dell’abitato di Casale e prevede la realizzazione di una bretella di raccordo tra la variante stessa e l’attuale strada statale 9. Un tracciato a due corsie per senso di marcia e lungo 8,5 chilometri sopraelevati (tranne il tratto di via Rabin), caratterizzato da 5 svincoli (Casale nord-Zorlesco, il raccordo con la via Emilia, lo svincolo per la sp 234 codognese, lo svincolo per la strada provinciale 142 per Somaglia, Casalpusterlengo sud sulla ss9).

Il primo step dei lavori sta coinvolgendo l’area lungo la strada provinciale 234, punto in cui si prevede la realizzazione di un imponente sovrappasso e nel quale a gennaio 2021 è stato posato il cartello di insediamento del cantiere (già interessato da bonifica bellica e spostamento dei sotto servizi, quindi dallo stoccaggio dei materiali).


© RIPRODUZIONE RISERVATA