Carabinieri, tutti i i salvataggi degli angeli con l’uniforme

Carabinieri, tutti i i salvataggi degli angeli con l’uniforme

Il bus dirottato, gli anziani smarriti, i giovani finiti nei corsi d’acqua: ecco le missioni dell’Arma di San Donato

I carabinieri della compagnia di San Donato, oltre alla divisa d’ordinanza, hanno vestito quella di angeli custodi del territorio. Nel 2019 hanno eseguito più di 20 interventi in cui hanno salvato delle persone: uomini, donne, ma anche bambini. Quello scorso è stato l’anno del dirottamento del pullman sulla Paullese, da parte dell’autista che aveva preso in ostaggio 51 studenti della scuola di Crema, liberati dagli uomini dell’Arma dopo che il dirottatore aveva dato alle fiamme il bus.

È stato anche l’anno del ritrovamento di nonno Valerio, l’81enne scomparso da Tribiano, dopo due giorni e due notti lontano da casa, che quando ogni speranza sembrava persa, è stato salvato dal fango di una risaia dove si era rannicchiato.

Ma questi sono solo alcuni degli interventi svolti, tra quasi quotidiane operazioni di soccorso e innumerevoli salvataggi, dai carabinieri. Sono stati ad esempio tre gli anziani ritrovati dopo essersi persi, l’ultimo riportato a casa (dopo un’assenza di 24 ore) proprio alla vigilia di Natale, a cui si aggiunge l’intervento in aiuto di un minorenne, scappato da Carpiano dopo un litigio con i genitori: si era buttato nel fiume Lambro travolto dall’acqua gelida di gennaio, ma è stato tratto a riva dai militari che non hanno esitato a guadare a lovo volta la corrente.

Nel 2019, complessivamente, sono stati sei i tentativi di suicidio sventati grazie all’intervento delle pattuglie dell’Arma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA