BREMBIO Maggioranza sull’orlo della crisi, il sindaco “appeso” alla sfiducia
Il municipio di Brembio, sede della vita amministrativa del paese

BREMBIO Maggioranza sull’orlo della crisi, il sindaco “appeso” alla sfiducia

Tonani lavora con i suoi per trovare un’intesa ed evitare un voto sfavorevole

Settimana decisiva a Brembio dopo l’apertura della crisi di maggioranza. Prima di Pasqua è attesa infatti la riunione consiliare dei capigruppo per definire i punti all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale in cui, di fatto, si deciderà il futuro di Brembio.

Sabato 2 aprile infatti la lista di opposizione Brembio Unita e Solidale e il consigliere di maggioranza Giovanni Madonini hanno presentato una mozione di sfiducia (portata in Comune da Roberta Scuotto) nei confronti del sindaco Giampietro Tonani, documento che, per legge, deve essere discusso e votato a partire da 10 giorni dopo il protocollo, ma entro 30 giorni dalla sua presentazione.

Nel prossimo consiglio comunale dunque, maggioranza e opposizione saranno chiamate non solo a votare, sempre entro i termini di legge, il bilancio di previsione 2022, ma anche la sfiducia o meno al sindaco. Pertanto nel corso questa settimana il sindaco Tonani e la maggioranza dovranno necessariamente confrontarsi: o per trovare insieme un accordo interno ed evitare così il commissariamento del comune, oppure per prendere atto definitivamente della crisi. Nel caso non si arrivi a un’intesa, si prefigurano due scenari: o le dimissioni del sindaco prima di essere sfiduciato in consiglio oppure un voto di sfiducia in aula.


© RIPRODUZIONE RISERVATA