Boom di ricoveri in ospedale, ma la chirurgia non si tocca
Il pronto soccorso di Lodi

Boom di ricoveri in ospedale, ma la chirurgia non si tocca

A Lodi nessuna riduzione degli interventi, calo del 30 per cento a Codogno

Covid, pazienti in costante aumento nel Lodigiano. A snocciolare i numeri il direttore generale dell’Asst di Lodi Salvatore Gioia. L’attenzione, in questo momento, però è volta a proteggere l’attività chirurgica ordinaria: «Gli interventi chirurgici, a Lodi - dicono il direttore generale Salvatore Gioia e il direttore sanitario Paolo Bernocchi - non subiranno alcun taglio». È stato deciso di mantenere intatta tutta l’attività chirurgica anche se, vista la riduzione dei letti, a partire da quelli della chirurgia ortopedica, qualche limitazione, in via indiretta, ci sarà. A subire una decurtazione di circa il 30 per cento, invece, sarà l’attività chirurgica dell’ospedale di Codogno, in seguito alla riapertura ad area Covid della riabilitazione cardiologica, come già avvenuto nella precedente ondata.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola martedì 11 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA