Boffalora, il cordoglio per Pifferi:  «Era un angelo del soccorso»
Marco PIfferi, il ciclista vittima del drammatico incidente a Boffalora

Boffalora, il cordoglio per Pifferi:

«Era un angelo del soccorso»

Il 50enne è deceduto martedì dopo essere stato investito e trascinato da un trattore per 30 metri

«Era un angelo per me, un amico vero». Non riesce a trattenere l’emozione Alberto Grossi, volontario ma soprattutto amico di Marco Pifferi, il 50enne di Boffalora deceduto martedì dopo essere stato investito e trascinato da un trattore per 30 metri. «Ci conoscevamo da almeno 20 anni – ricorda Grossi, anch’egli residente a Boffalora -. Abbiamo lavorato insieme per Boffalora Soccorso ma anche per altre associazioni, fatto corsi specialistici sempre fianco a fianco. Era davvero un caro amico per me, lo consideravo una persona grandiosa. Quando avevi bisogno, faceva di tutto per aiutarti». Pifferi che Grossi si sente «di ringraziare. Perché negli ultimi anni, quando non guidavo più le ambulanze, mi aiutava. È capitato che avessi bisogno per mio suocero e lui senza pensarci mi ha detto che lo avrebbe accompagnato personalmente. Non so davvero che dire, sono ancora frastornato. Ha fatto tanto per me, come io l’ho sempre voluto aiutare quando aveva bisogno».


© RIPRODUZIONE RISERVATA