La bambola contiene sostanze pericolose, partiti da San Giuliano i controlli che hanno portato al ritiro dal mercato
La bambola ritirata dal mercato (foto dal sito del ministero della salute)

La bambola contiene sostanze pericolose, partiti da San Giuliano i controlli che hanno portato al ritiro dal mercato

I giocattoli di produzione cinese sono stati tolti dagli scaffali per decisione del ministero della Salute

La bambola è tossica e viene ritirata dal commercio. È partito dal Sudmilano, e in particolare da San Giuliano, il controllo che ha portato il ministero della Salute a lanciare l’allarme consumatori per la bambola “Girl Vogue” di produzione cinese. In particolare il format del ministero che lancia l’allarme alla voce “Natura del pericolo/rischio” riporta: “Chimico - Possibili danni al sistema riproduttivo causati dalla presenza di ftalati”.

I controlli sono scattati in un market di San Giuliano, Risparmio Casa in via Po, dove il prodotto è stato acquistato e sottoposto ad analisi da parte delle Unità Operative Ospedaliere di Medicina del Lavoro (Uooml) di Desio.

La confezione

La confezione

La confezione

«Le analisi effettuate nuovamente dall’Iss su richiesta della ditta - spiega in una nota il Ministero - hanno riscontrato la non conformità ai requisiti del decreto legislativo 11 aprile 2011 n 54 (recepimento Direttiva sicurezza giocattoli) relativamente al limite di Dibutil ftalato (DBP) e del di (2-etil) ftalato (DEHP) di cui all’allegato al Regolamento (CE) 522/2009 del 22.06.2009 (punti 51 e 52)».


© RIPRODUZIONE RISERVATA