Auto pirata investe nonno e nipote

Auto pirata investe nonno e nipote

Sabato, verso le 20.30, a Mulazzano, l’uomo portava il bimbo con la bici

Investiti da auto pirata a Mulazzano. È successo sabato sera, intorno alle 20.30. Il nonno, Ambrogio Bianchi, molto conosciuto in paese, 68 anni il prossimo settembre, viaggiava con la bicicletta, nel centro del paese; il piccolo di un anno era seduto nel seggiolino attaccato al manubrio. Ad un certo punto una macchina di colore scuro, proveniente a tutta velocità da Cervignano, ha investito nonno e nipote. Sul posto sono arrivati subito i mezzi del 118.

Nonno e nipote stavano andando in oratorio quando l’auto è arrivata da dietro, li ha investiti, ha rallentato e poi è scappata. Dei ragazzi che hanno assistito alla scena hanno cercato di fermare la macchina, mettendosi di fronte, ma poi stavano rischiando di essere a loro volta travolti e si sono spostati.

Il pensionato e il piccolo sono stati trasportati in pronto soccorso all’ospedale Maggiore di Lodi. Il bimbo, ieri, per fortuna, è stato dimesso, mentre il nonno, che si è fratturato una vertebra e si è procurato diverse contusioni tra schiena e collo, è stato trasferito ieri all’ospedale di Cremona e oggi sarà operato.

Sabato, al momento, dell’incidente, Bianchi si stava recando in oratorio per gli ultimi preparativi della festa di saluto delle suore che lasciano Mulazzano dopo 104 anni. L’uomo, infatti, che aveva realizzato anche una pubblicazione, insieme a Sante Torresani, aveva contribuito all’organizzazione della cerimonia. Ora tutto il paese tifa per lui.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola lunedì 10 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA